Altre tre misteriose esplosioni radio rilevate nella Via Lattea

0 149

Magnetar SGR 1935 + 2154, che ha emesso il primo lampo radio rapido registrato dall’interno della Via Lattea in aprile, lo ha fatto di nuovo, dando agli astronomi un’altra possibilità per svelare il misterioso enigma cosmico.

L’8 ottobre 2020, la collaborazione CHIME / FRB ha scoperto la stella SGR 1935 + 2154, che emetteva tre lampi radio millisecondi. In seguito, il radiotelescopio FAST ha rilevato qualcos’altro: l’emissione radio pulsata corrispondente al periodo di rotazione della magnetar.

Fino ad aprile di quest’anno, i lampi radio veloci (FRB) sono stati registrati solo al di fuori della nostra galassia, di solito da sorgenti a milioni di anni luce di distanza. Il primo è stato scoperto nel 2007 e da allora gli astronomi hanno cercato di capire cosa li causa.

Come suggerisce il nome, gli FRB sono esplosioni di onde radio estremamente potenti trovate nello spazio, alcune delle quali rilasciano più energia di centinaia di milioni di soli. Durano solo un millisecondo.

Poiché la maggior parte delle sorgenti di raffiche radio veloci sembra emetterle solo una volta, sono altamente imprevedibili. Inoltre, quelli che rileviamo di solito provengono da regioni dello spazio così distanti che i telescopi non possono distinguere le singole stelle e determinare la fonte del segnale. Entrambe queste caratteristiche rendono difficile tracciare FRB anche nell’esatta galassia sorgente, per non parlare di una stella particolare.

Ma SGR 1935 + 2154 dista solo 30.000 anni luce. Il 28 aprile 2020, ha emesso un potente impulso di millisecondi denominato FRB 200428. Dopo che la potenza del segnale è stata regolata per la distanza, FRB 200428 non era potente come le esplosioni radio veloci extragalattiche, ma tutto il resto corrispondeva ad altre raffiche.

Finora non sappiamo molto delle tre nuove esplosioni. Poiché gli scienziati stanno ancora lavorando sui dati, è possibile che alcune delle prime scoperte possano cambiare. Ma ora possiamo dire che sono entrambi simili e non simili a FRB 200428.

Le raffiche erano ancora una volta leggermente meno potenti delle precedenti, ma erano comunque incredibilmente forti ed erano durate una questione di millisecondi.

“Uno degli aspetti più interessanti di questa scoperta è che le nostre tre esplosioni sembrano essersi verificate durante lo stesso periodo di rotazione della stella. È noto che la magnetar ruota ogni ~ 3,24 secondi, ma la prima e la seconda raffica erano separate di 0,954 secondi e la seconda e la terza erano separate da 1,949 secondi. Questo è un po ‘insolito e pensiamo che in futuro valga la pena studiare il fenomeno più da vicino “, scrivono gli scienziati.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.