Coppia americana ha trovato una nave aliena pietrificata

0 83

La storia della sorprendente scoperta, soprannominata la “fortezza fenicia”, è stata pubblicata per la prima volta da David Campbell sul sito web di cultura umana Viewzone Magazine.

Questa scoperta non interessò immediatamente gli scienziati americani e stranieri e nemmeno i giornalisti, sebbene il rapporto dettagliato di Campbell contenga molti dettagli interessanti che potrebbero far luce sul lontano passato della nostra “palla blu”. Naturalmente, i media avevano bisogno di un esame approfondito della “fortezza” da parte di scienziati di vari campi della scienza per annunciare una sensazione, e anche loro non avevano fretta.

Coppia americana ha trovato una nave aliena pietrificata

David è nato e cresciuto nelle vicinanze della città texana di Rockwall. Fin da giovane amava la Grande Muraglia del Texas, scoperta nel 1852 da tre contadini e misurava 12 metri di altezza, 9 chilometri di lunghezza e 5,6 metri di larghezza. Studiando il muro, l’americano è giunto alla conclusione che si tratta di un oggetto creato dall’uomo ed è in grado di portare a una revisione della storia umana.

Incredibile scoperta

La moglie del nostro eroe, Sue, lavorava come redattrice di un piccolo giornale locale, The Weekend Bandit, che copriva la storia e gli eventi della regione. David, leggendo questa edizione a suo piacimento, scoprì che all’inizio di questo millennio nello stato era stato scavato un muro misterioso. Campbell ha immediatamente ricordato che nel 1949, vicino al Texas Wall, furono trovate tavolette con lettere simili a rune. Il ricercatore ha utilizzato una colonna del giornale di sua moglie per chiedere ai suoi connazionali di chiamarlo se qualcuno ha informazioni su muri insoliti con iscrizioni antiche.

Meno di una settimana dopo, la coppia ha ricevuto un messaggio da un lettore che viveva a Colbert, in Oklahoma. Un uomo che ha risposto all’annuncio ha raccontato alla coppia di un incontro con un individuo che stava cercando antiche punte di freccia nei Monti Kiamichi. Entrando nel labirinto delle grotte di montagna, vi trovò pietre piatte, punteggiate di strani simboli che somigliavano a scritte aliene. Ma non è stata la cosa più sorprendente. Accanto alle tavolette, quest’uomo ha scoperto i resti di umanoidi che sicuramente non erano umani. Queste ossa e questi teschi erano troppo piccoli e irregolari rispetto allo scheletro umano.

Il lettore ha fornito a David e Sue le coordinate geografiche di questo luogo, ma si sono rivelate così vaghe che la coppia aveva poche speranze in qualcosa. Tuttavia, i Campbell hanno deciso di tentare la fortuna e hanno intrapreso una lunga escursione nella natura.

Nave aliena o organismo fossile?

Dopo molte ore di vagabondaggio attraverso la foresta di montagna, David e Sue si imbatterono inaspettatamente in un muro incomprensibile, la cui origine era, senza dubbio, artificiale. La coppia non aveva mai incontrato una muratura così insolita prima: le pietre tagliate a filigrana erano collegate tra loro, come cellule di un organismo vivente. Quando la coppia stupita salì più in alto, fu loro rivelato il vero scopo della loro scoperta.

Le pietre, che apparentemente contenevano vari composti metallici e minerali, erano strettamente collegate, formando una struttura simile a un nido d’ape. Le pareti delle celle, incredibilmente dense e scure, erano come fatte di ferro, ma il magnete portato su di loro non attirava affatto. Che cosa sia questa sostanza, gli americani ancora non lo sanno. Sue ha quindi iniziato a fotografare un luogo misterioso e David ha deciso di arrampicarsi fino alla cima del muro artificiale, o “fortezza fenicia”, come la chiamò in seguito la coppia.

Coppia americana ha trovato una nave aliena pietrificata

David, ricordando i suoi sentimenti, dice che era come se fosse stato cosparso di acqua ghiacciata in quel momento – l’impressione fatta dalla scoperta si è rivelata così forte. Migliaia di metri quadrati di pietre tagliate giacevano sotto i piedi degli uomini in un caos mostruoso. Questo posto, secondo un testimone oculare, sembrava un cimitero profanato dai barbari. L’esploratore era convinto che lui e sua moglie avessero trovato i resti di un gigantesco muro antico. Più tardi, la gente del posto disse alla coppia che conosceva da tempo questa struttura e la considerava le rovine di un enorme pozzo di fornace che un tempo serviva gli Aztechi per l’estrazione e la fusione dell’oro.

Nonostante il fatto che i Campbell non abbiano mai trovato lì i resti di creature umanoidi, l’articolo di David dopo qualche tempo ha attirato l’interesse dello staff del canale televisivo Mystery History. I giornalisti hanno confrontato le immagini della “fortezza” con la famosa “Waffle Stone” nel West Virginia e un oggetto non identificato che riposa sul fondo del Mar Baltico. Di conseguenza, gli esperti hanno affermato che tutte queste strutture anomale hanno chiare somiglianze. Gli ufologi che hanno aderito allo studio hanno ritenuto che si potesse parlare di frammenti di oggetti più grandi di origine extraterrestre. Quindi, un’anomalia dell’Oklahoma potrebbe essere un pezzo di un aereo alieno che si è schiantato sulla superficie terrestre migliaia o addirittura milioni di anni fa. Nel tempo, i frammenti di questo aereo potrebbero semplicemente pietrificarsi.

Versioni alternative dell’origine dell’anomalia
Dopo che il servizio sulla “fortezza fenicia” è stato trasmesso dalla televisione via cavo americana, il ritrovamento di Campbell ha finalmente attirato l’attenzione di scienziati, ufologi, ricercatori entusiasti e normali fan del paranormale. Molte altre teorie iniziarono a essere avanzate sulla natura di questo oggetto.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.