È possibile viaggiare nel tempo

0 100

Nel romanzo di Kurt Vonnegut Slaughterhouse 5 or the Children’s Crusade, il protagonista, Billy Pilgrim, viene rapito dagli alieni. Gli alieni del pianeta Tralfamador rivelano a Billy il segreto del viaggio nel tempo e gli permettono di sentirsi uno di loro, dando a Pilgrim l’opportunità di viaggiare in diversi periodi della sua vita. È anche degno di nota che la morte non esiste per i Tralfamadoriani, poiché la morte è solo un periodo di tempo, che può essere esaminato in qualsiasi momento. Un’idea simile può essere vista nel film Arrival del 2016. Ma se divagiamo dai lavori di fantascienza e pensiamo all’universo che ci circonda, come facciamo a sapere se è effettivamente possibile viaggiare nel tempo?

Nel 1915 Albert Einstein riuscì più o meno a spiegare il nostro mondo. Fino ad ora, la relatività generale (GR) rimane la migliore descrizione della gravità nella fisica moderna. Le predizioni della teoria sono state confermate da numerose osservazioni ed esperimenti condotti sia nel secolo scorso che nel presente. La relatività generale ha predetto il rilevamento di buchi neri supermassicci e onde gravitazionali. Quindi diciamo ancora e ancora: “Einstein aveva ragione”. Tuttavia, oggi i ricercatori sono alla ricerca di una nuova teoria che possa spiegare i motivi per cui l’universo si sta espandendo con l’accelerazione. Ma secondo la relatività generale, il nostro universo non dovrebbe espandersi sempre più velocemente. Gli scienziati ritengono che la misteriosa energia oscura – una sostanza invisibile e la forza trainante dell’Universo – sia responsabile dell’accelerazione dell’espansione dell’Universo. Ma ci sono altre incongruenze: I ricercatori hanno recentemente scoperto un buco nero nella nostra galassia, che, secondo la relatività generale e la nostra conoscenza dell’evoluzione delle stelle, non dovrebbe esistere. Si scopre che abbiamo bisogno di una nuova teoria fondamentale di tutto, che sarà coerente sia con la relatività generale che con la teoria quantistica.

Il genio di Albert Einstein

Isaac Newton stava pensando alle forze fondamentali dell’universo molto prima della nascita di Albert Einstein. Shakespeare descrive i suoi pensieri sul nostro posto nell’Universo nel miglior modo possibile: “Il mondo intero è un teatro, e le persone sono attori”. Newton credeva che tutti gli oggetti nell’universo fossero attori sul palco: il sole, le comete, un cane e persino una mela. E il palcoscenico stesso era lo spazio e il tempo, due cose che sono assolute e nulla può influenzarle. La lancetta dell’orologio si muove a una velocità costante, non importa dove si trovi, credeva Newton. Questi pensieri hanno gettato le basi per la meccanica classica che potrebbe spiegare quasi tutto. Tuttavia, la parola “quasi” è inaccettabile se stiamo cercando di spiegare come funziona l’intero universo, non solo una parte di esso.

Circa duecento anni dopo, Albert Einstein suggerì che lo spazio e il tempo possono essere combinati con tutti gli oggetti dell’universo. Ciò che Newton pensava fosse assoluto, Einstein faceva parte dello spettacolo. Secondo la relatività generale, tre dimensioni dello spazio e una dimensione del tempo sono combinate in uno spazio-tempo quadridimensionale. E lo spazio non è inviolabile: ci sono oggetti massicci che possono influenzare la forma dello spazio stesso, così come il passare del tempo. Ma non è tutto: Einstein sosteneva che il tempo è individuale. In teoria, ciò consente la “possibilità di” percorsi “speciali nello spazio-tempo in grado di deviare nel passato: si tratta di una sorta di curve chiuse lungo le quali si può tornare a un momento precedente nel tempo.

Uno dei filosofi e matematici più talentuosi del 20 ° secolo, Kurt Gödel, credeva che una particella potesse viaggiare fino a un punto del proprio passato attraverso curve chiuse simili al tempo. Tuttavia, affinché l’ipotesi di Gödel funzioni, il nostro universo deve ruotare e le sue dimensioni devono rimanere costanti. Ma tu ed io sappiamo perfettamente che l’Universo si sta espandendo con l’accelerazione. Dopo Gödel, altri scienziati hanno creato teorie correlate a quelle di Einstein. Ma anche se esistono curve chiuse a tempo, per superarle è necessario raggiungere una velocità superiore a 220mila chilometri al secondo. Tuttavia, l’incoerenza della relatività generale con il fatto dell’espansione accelerata dell’Universo e l’esistenza di curve chiuse simili al tempo è solo la punta dell’iceberg quando si parla di viaggio nel tempo. dopotutto, ci troviamo di fronte a un problema molto più serio: la teoria di Einstein non è in alcun modo correlata alla fisica quantistica. E questo è il problema più grande della fisica moderna. Abbiamo davvero bisogno di una teoria diversa per descrivere l’universo. Una teoria che terrà conto della natura quantistica della materia.

Uno dei tentativi di spiegare l’universo punteggiando l’AND è la teoria delle stringhe. Sheldon Cooper di The Big Bang Theory è noto per averci lavorato. Tuttavia, anche la teoria delle stringhe non è priva di problemi: perché sia ​​corretta, devono esserci sei dimensioni di spazio extra. Insieme alla teoria delle stringhe, esistono la teoria della gravità quantistica a loop, la teoria degli insiemi causali e molte altre. Tuttavia, nonostante il fatto che nessuno di loro oggi sia in grado di spiegare completamente tutto ciò che accade nell’Universo, gli scienziati non hanno fretta di cancellarli. Almeno quando si pensa al viaggio nel tempo.

Ad esempio, uno studio condotto da scienziati dell’Università di Oxford suggerisce che la creazione di una macchina del tempo è effettivamente possibile. L’articolo esamina la possibilità logica, metafisica e fisica del viaggio nel tempo, basandosi sull’esistenza di curve chiuse simili al tempo. Gli scienziati ritengono che queste curve saranno rilevabili con le nuove tecnologie e sostengono che nessuno dei presunti paradossi esclude il viaggio nel tempo. Sempre nel documento, i ricercatori scrivono che il viaggio nel tempo è possibile in conformità con la teoria della gravità quantistica, la teoria delle stringhe e la teoria della gravità quantistica a loop. Comunque sia, oggi ci sono più domande che risposte.

Puoi fermare il tempo?

Albert Einstein ha dimostrato che il tempo è relativo: si muove più lentamente se l’oggetto si muove rapidamente. Gli eventi non si verificano nell’ordine prescritto. Non esiste un unico “adesso” universale nel senso in cui lo descriverebbe la fisica newtoniana. È vero che molti eventi nell’universo possono essere ordinati, ma il tempo non è sempre chiaramente diviso in passato, presente e futuro. Alcune equazioni fisiche funzionano in qualsiasi direzione. Un aspetto della percezione del tempo che molti di noi condividono è il modo in cui pensiamo al nostro passato: lo immaginiamo come una gigantesca videoteca, un archivio in cui è possibile visualizzare le registrazioni dei nostri eventi della vita. Alcuni fisici teorici, come Carlo Rovelli, vanno ancora oltre nel loro pensiero, credendo che il tempo non sia lineare o non esista affatto. Ma, sebbene alcuni fisici presumano che il tempo non esista, la nostra percezione del tempo esiste. Questo è il motivo per cui le prove in fisica sono in contrasto con il modo in cui percepiamo il corso della vita. La nostra comprensione di significati come “futuro” o “passato” non si applica necessariamente a tutto nell’universo, ma riflette la realtà della nostra vita qui sulla Terra. Tuttavia, come con l’idea di Newton del tempo assoluto, la fede nel tempo può fuorviarci.

Alcuni ricercatori ritengono che il passare del tempo possa essere fermato, anche se questo potrebbe non essere pratico. Per capire come fermare il tempo, è necessario tornare alla teoria della relatività di Albert Einstein: la velocità della luce è di 299.792.458 metri al secondo ed è costante in tutto l’Universo. Questa velocità rimane invariata, anche se l’osservatore si muove rispetto ad essa. Tuttavia, secondo i dati ottenuti dai ricercatori dell’Università del South Maine, la nostra percezione della luce può essere modificata. In teoria, ciò significa che la nostra percezione del tempo può essere modificata anche attraverso un fenomeno noto come “dilatazione del tempo”. La decelerazione temporale è la differenza di tempo misurata a due ore. Immagina che uno di questi orologi sia montato su un’astronave che viaggia alla velocità della luce o vicino a essa,

Quando la navicella raggiunge la velocità della luce, l’ora alle due inizia a scorrere in modo diverso. Poiché la velocità della luce è costante, sembrerebbe che il tempo su una nave si muova molto più lentamente. I risultati della ricerca hanno mostrato che maggiore è la velocità della nave, maggiore è l’effetto della dilatazione del tempo. È solo quando la velocità della nave si avvicina alla velocità della luce che l’effetto della dilatazione del tempo diventa significativo. Pertanto, se il veicolo spaziale raggiungesse la velocità della luce, il tempo a bordo si fermerebbe semplicemente. Puoi provare a immaginare che la nave continuerà a muoversi alla velocità della luce fino al 2214. In questo caso, sarebbero passati duecento anni per noi, ma sulla nave non sarebbe cambiato nulla. Questo è estremamente strano, ma teoricamente corretto. Tuttavia, non dimenticarlo

Il professor Stephen Hawking credeva che gli studi di gravità, spazio e tempo di Einstein, iniziati nel 1915, potessero aver risolto il problema del viaggio nel tempo. La risposta, come probabilmente avrai capito, sta nei wormhole o nei wormhole. Un wormhole è un passaggio attraverso il tessuto dello spazio-tempo che collega due punti distanti nello spazio. Pertanto, un wormhole può connettere non solo due luoghi diversi nell’universo, ma anche due universi diversi. Ricordiamo che il fisico teorico britannico non ha escluso la possibilità che buchi neri e wormhole possano essere un portale per altri universi. Inoltre, uno degli ultimi lavori di Hawking era dedicato agli universi paralleli. Se i rappresentanti di civiltà avanzate esistono e possiedono le tecnologie necessarie per i viaggi nello spazio, è possibile che questo che possono viaggiare da una parte all’altra della galassia e in una o due settimane possono tornare a casa prima di mettersi in viaggio. È un paradosso.

Eppure, quando si tratta di viaggiare nel tempo, non dimenticare la cosa più importante: ogni notte, quando guardiamo il cielo stellato, vediamo il passato. La luce di stelle lontane raggiunge il nostro pianeta dopo milioni di anni e gli oggetti che la emettono si sono spenti da tempo. Nonostante tu ed io non siamo tralfamadoriani e la nostra percezione del tempo è molto limitata, abbiamo strumenti con i quali possiamo guardare indietro nel tempo e vedere le tracce del Big Bang. Si scopre che siamo tutti viaggiatori nel tempo.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.