Elysium sarà costruito in Groenlandia

0 14

Il 16 agosto 2019, il Wall Street Journal, citando alcune “fonti informate”, ha riferito che l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sta valutando la possibilità di acquistare l’isola della Groenlandia dalla Danimarca. Il Wall Street Journal è una pubblicazione molto seria, quindi se scrivono di un fatto, questo fatto si verifica. Tuttavia, all’inizio non era molto chiaro se la Casa Bianca stesse davvero valutando di acquistare l’isola, o se la Casa Bianca avesse chiesto al Wall Street Journal di pubblicare questa piccola opera in modo che l’idea di acquisire l’isola avrebbe allontanato tutti gli altri pensieri dalle menti americane.

E ora, dopo diversi giorni e milioni di commenti su questa notizia, compresa la fiction, il Wall Street Journal scrive la stessa cosa. Cioè, la questione sembra essere davvero presa in considerazione. E poiché la questione è in fase di considerazione, l’argomento richiede commenti analitici, poiché questo problema sembra essere molto, molto serio. Quanto seria sia questa domanda diventerà chiara dai tentativi di risposta. Cominciamo ricordando: formalmente la Groenlandia è una parte autonoma del Regno di Danimarca. Cioè, il suo governo prende decisioni su questioni interne e la politica estera della Groenlandia è sotto la giurisdizione di Copenaghen. Tuttavia, in realtà, non c’è politica lì, in linea di principio, poiché l’isola è quasi interamente ricoperta di ghiaccio.

La sua superficie è di circa due milioni di chilometri quadrati, ovvero l’80% del territorio dell’isola. Cioè, la Groenlandia è una piccola Antartide, che ospita circa 60.000 persone. L’89% di loro sono indiani Inuit, l’8% sono danesi e islandesi, il 3% sono semplicemente amanti estremi che non sono nati in Groenlandia. Pertanto, la Groenlandia è, sebbene non sia una terraferma, ma comunque un’isola molto grande, sulla quale possono facilmente adattarsi mezzo miliardo di persone. Tuttavia, si adatteranno lì, ovviamente, solo se il ghiaccio in Groenlandia si scioglierà. O se la Groenlandia si sposta verso l’equatore, come mostrato nella mappa sopra. E, poiché i temi del riscaldamento globale, dello scioglimento dei ghiacciai e dell’imminente spostamento dei poli sono oggi discussi anche dai funzionari, un simile sviluppo di eventi dovrebbe essere considerato molto probabile.

https://youtu.be/eOLBY5k8RvE

Come riportato in precedenza, il 10 agosto 2019 sono stati registrati fulmini nell’area del polo nord geografico, il che non ha senso per queste latitudini. I fulmini sempre e su tutti i pianeti con un’atmosfera sono concentrati più vicino all’equatore, dove la forza del campo magnetico più debole. Pertanto, poiché il fulmine si è spostato al Polo Nord geografico, significa che anche il polo magnetico si sta preparando a muoversi, le cui conseguenze possono essere le più incredibili.

Il secondo punto importante è la sorprendente velocità di scioglimento dei ghiacciai in Groenlandia. Il tasso di scioglimento dei ghiacciai è aumentato di sei volte negli ultimi 50 anni! Dal 1980, le temperature nella Groenlandia meridionale sono aumentate di 4 ° C in estate e di 10 ° C in inverno, e con un aumento della temperatura di soli 3 ° C nella regione, la calotta glaciale potrebbe sciogliersi completamente in oltre 1000 anni. Negli anni ’80 vi si scioglievano in media 40 miliardi di tonnellate di ghiaccio all’anno, ma già nel 2017 questa cifra era salita a 250 miliardi. E il tasso di fusione continua ad aumentare.

Dall’inizio di agosto 2019, la temperatura dell’aria in Groenlandia è stata superiore a 20 ° C e il ghiaccio si sta sciogliendo proprio come in Europa ad aprile: se le cose continuano a progredire a questo ritmo, la Groenlandia potrebbe perdere gran parte della sua calotta glaciale nel prossimo futuro. La completa perdita di ghiaccio da parte della Groenlandia causerà un aumento del livello dell’oceano di 6 metri, che porterà all’inondazione di molte delle città portuali del mondo. Inoltre, se l’Antartide si scioglie nello stesso momento, aumenterà il livello dell’oceano fino a 60 metri, se l’Antartide scioglierà tutto.

E se non si scioglie, a causa della perdita di ghiaccio nella regione del Polo Nord, si svilupperà un certo squilibrio nello stress della litosfera, a seguito del quale la crosta terrestre inizierà a muoversi rispetto al mantello. Quindi il livello dell’oceano non aumenterà di 60 metri, ma di 600 e allo stesso tempo. In generale, si profila una prospettiva geografica piuttosto interessante. E questa prospettiva si realizza non in un milione di anni, come borbottano i funzionari, ma molto prima.

In inglese, la Groenlandia è chiamata Groenlandia, cioè “terra verde”. I libri di consultazione dicono che questa parola è stata inventata dal vichingo Floki nella speranza di attirare altri ventosi vichinghi sull’isola disabitata, ma questa versione non convincerà nemmeno una delirante giumenta grigia. Il fatto è che i vichinghi non parlavano inglese.

Ma la cosa interessante è che in danese, “verde” suona come gron, e Groenlandia è gronland. E questo tema può essere rintracciato in quasi tutte le lingue d’Europa. Quindi i prestiti linguistici non funzionano. Il mondo intero dice New York, non New York. Il mondo intero dice Novgorod e Volgograd, non una “nuova città” o “una città sul Volga”. Procedendo da ciò, si deve pensare che la Groenlandia era un’isola verde e ricca di vegetazione non 500.000 anni fa, come scrivono gli “accademici”, ma nell’era della formazione delle lingue europee. Cioè, circa 500 anni fa. E poiché la terra verde della Groenlandia è stata impegnata di recente, diventerà verde molto presto.

E ora, alla luce di questi dati, poniamo la domanda: perché Trump si è preoccupato di acquistare la Groenlandia? Perché ne ha bisogno? La prima e più semplice spiegazione della situazione è una mossa di pubbliche relazioni competente. L’acquisto della Groenlandia nella percezione degli americani sarebbe paragonabile all’acquisizione dell’Alaska dalla Russia nel 1867, quindi, se l’impresa avrà successo, la vittoria alle prossime elezioni è garantita a Trump e tra qualche decennio in suo onore negli Stati Uniti non solo nominerà portaerei, ma metterà a tacere il suo nome sano in lettere d’oro sul tetto della Casa Bianca.

La seconda possibile spiegazione della situazione è l’espansione americana della sua presenza militare nel Nord. Attualmente esiste un trattato tra gli Stati Uniti e la Danimarca che conferisce all’esercito americano diritti virtualmente illimitati alla base aerea di Thule nel nord della Groenlandia, ma la proprietà sarebbe migliore. Con l’Alaska più calda a nord-ovest e la Groenlandia parzialmente priva di ghiaccio a nord-est, il Pentagono sarà in grado di coprire in modo più affidabile la terraferma dai missili balistici di un potenziale nemico e dai suoi sottomarini.

La terza spiegazione riguarda il trasferimento dell’intero stato degli Stati Uniti in Groenlandia. È possibile che gli americani sappiano per certo di una situazione non molto buona con Yellowstone, forse qualcuno li ha avvertiti che un grande meteorite avrebbe colpito l’America, o ci sarà qualche altro disastro biblico in Nord America – e ora stanno preparando il terreno per evacuare il continente.

L’idea della quarta versione è suggerita dal relativamente recente capolavoro di Hollywood “Elysium – Heaven not on Earth”: secondo la sceneggiatura del film, la massima leadership planetaria con i suoi servi si mosse in orbita, avendo costruito lì un’accogliente città per diversi milioni di individui di entrambi i sessi, e tutto il resto fu lasciato a marcire sul pianeta da cui i leader mondiali hanno attinto le risorse per la loro stazione orbitale. Il film, come tutti capiscono, non è solo un film, ma una dottrina futurologica molto seria, che è altrettanto seriamente discussa nella società americana.

Quindi, la popolazione degli Stati Uniti oggi è di circa 325 milioni di persone, ma ci sono al massimo 25 milioni di élite veramente utili per il futuro. Cioè, ci sono pochissimi scienziati creativi che possono dare alla luce qualcosa, bravi lavoratori / medici / ingegneri e valorosi marines freddi che faranno a pezzi le forze speciali cinesi a mani nude in tutta l’America.

E tutto il resto sono alcuni famosi avvocati / economisti e la loro numerosa prole, folle di manager di qualche collegamento, venditori di pizza, famosi rapper e spacciatori appesi alle catene, casalinghe incinte arrivate dal Messico e giocatori ereditari di basket in cortile. E tutta questa massa è protetta da 10 portaerei, difesa missilistica dispiegata in tutto il mondo, un mucchio di basi militari. Questa massa deve anche essere alimentata con qualcosa e kilotoni di varie altre prelibatezze devono essere importati negli Stati Uniti. Per che cosa?
A metà del secolo scorso, questo approccio era corretto, poiché la fanteria era la regina dei campi e decideva qualcosa. Ad esempio, i tedeschi nel 1944 avevano un vantaggio tecnico totale su tutti gli alleati messi insieme, ma cosa gli dava questo? La Casa Bianca mise tutti gli amanti del jazz sulla catena di montaggio e in un paio d’anni timbrarono 50.000 carri armati e circa 500.000 camion, la maggior parte dei quali andò in URSS, che non sonnecchiò e timbrò 100.000 carri armati T-34. E c’erano altri modelli di tutto e orde di ragazzi dell’Asia centrale. Tutto questo coraggiosamente il Terzo Reich nel giro di poche settimane.

Nel XXI secolo dell’alta tecnologia la situazione è completamente diversa. La regina dei campi e le lavoratrici domestiche saranno facilmente sostituite da robot, che a loro volta punteranno i loro simili. Allo stesso tempo, il robot renderà i programmatori indiani più veloci e migliori, che hanno bisogno di dormire, mangiare e andare nel Gange dopo il lavoro. Pertanto, dal punto di vista delle élite, sarebbe ottimale scegliere un territorio piccolo e inaccessibile e crearsi lì un piccolo stato, dove vivrà il cervello al servizio dell’élite, dei servi e dei granatieri d’élite.

E se proteggere gli Stati Uniti è un grosso problema per il Pentagono, proteggere un’area delle dimensioni del Texas è un compito completamente diverso. E se anche questo Texas è sull’isola, la sua difesa sarà semplicemente impenetrabile anche con le moderne forze di difesa missilistica. Allo stesso tempo, nell’isola avranno sede dieci portaerei con droni da combattimento, cinquecento piccoli cacciatorpediniere sotto il controllo dell’IA e un paio di milioni di droidi di fanteria, che possono essere facilmente trasformati in venti milioni. La Groenlandia più calda per un tale “Elysium” è solo un trampolino di lancio ideale, dove si può già pensare di entrare in orbita del tutto.

Tutte e quattro le opzioni di cui sopra sono più o meno probabili, quindi ora vengono discusse tutte nei forum. Tuttavia, per qualche motivo nessuno pensa che ci sia anche una quinta opzione: il problema globale della mancanza di acqua dolce. Vediamo tutti che sta succedendo qualcosa di terribile con i fiumi e i laghi del mondo: non solo sono inquinati, ma hanno anche iniziato ad andare sottoterra. Se credi alle profezie, nei prossimi 10 anni quasi tutto andrà sottoterra. Qualcosa rimarrà però.

Il lago Baikal, ad esempio, sul quale i compagni del Partito comunista cinese posano da tempo gli occhi. In caso di crisi idrica globale, il Baikal sarà una risorsa preziosa che non si prosciugherà mai completamente. Tuttavia, i compagni cinesi non hanno tenuto conto di una triste circostanza che per gli Stati Uniti, ad esempio, non costa nulla consegnare a Baikal un grosso pezzo di acciaio con una potenza impressionante da qualche parte nel 10 o più megatoni. E arriveranno un altro paio di pezzi, con a bordo altre sostanze interessanti come il sarin, il gas mostarda e altri – le opzioni sono opzionali. E bevete alla vostra salute, compagni cinesi, almeno annegate. Puoi persino scambiare acqua radioattiva con l’India, dove nemmeno tale acqua sarà disponibile.

Allo stesso tempo, questo non può essere fatto con la Groenlandia. Anche se qualcosa cade lì, sotto ci saranno chilometri di ghiaccio ecologico che possono essere estratti e venduti. Tecnicamente, i ghiacciai, ovviamente, si stanno sciogliendo, ma finora non si parla di 50 ° C in Groenlandia e al ritmo attuale si scioglieranno per un tempo piuttosto lungo – secoli. Ovviamente puoi anche trasportare ghiaccio dall’Antartide, ma la Groenlandia è più vicina di un ordine di grandezza. Inoltre, in caso di terza guerra mondiale, le petroliere con acqua dall’Antartide dovranno coprire i convogli, mentre un gasdotto può essere posato in Groenlandia – in Canada / USA, in Europa / Gran Bretagna.

Dopo la costruzione di un simile “Nord Stream”, i paesi della NATO hanno già l’acqua, mentre il resto sarà rifornito di metano liquido da Gazprom. E alla luce di questa prospettiva, l’acquisto della Groenlandia è un’opzione molto intelligente e lungimirante. In totale, come abbiamo mostrato, ci sono cinque di queste opzioni. E quale di loro è il più corretto, mostrerà solo lo sviluppo degli eventi.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.