Salute

Insolazione (colpo di sole): cos’è, sintomi, quanto dura e cosa fare

Se il sole, nelle giuste dosi, porta vitamina D, una carnagione da sogno e un buon umore, il suo abuso è pericoloso per la salute.

L’insolazione, o colpo di sole, conseguenza di un’esposizione prolungata senza protezione, è un fenomeno da non prendere alla leggera. Puoi facilmente passare diversi giorni “in panne” o addirittura finire al pronto soccorso con il tuo bambino.

Quindi come si può prevenire l’insolazione? Quali sono i sintomi? Quanto dura e come reagire in caso di emergenza?

Sintomi del colpo di sole (insolazione)

Cos’è il colpo di sole?

Il nostro corpo regola la sua temperatura interna grazie all’ipotalamo – una ghiandola situata nel cervello – che è responsabile del suo mantenimento a 37 gradi. Lo fa attivando la sete e la sudorazione.

Tuttavia, dopo un’esposizione prolungata al sole o con tempo caldo, l’ipotalamo può non tenere il passo. La temperatura corporea non è più regolata e sale in modo anomalo: questa è l’ipertermia, conosciuta anche come “colpo di calore”, una conseguenza diretta del colpo di sole.

Va notato che il colpo di calore (che ha conseguenze più gravi) può verificarsi dopo uno sforzo intenso o in un ambiente surriscaldato, mentre il colpo di sole si verifica solo a causa dei raggi solari che entrano in contatto diretto con il cranio, il cuoio capelluto o la pelle.

Insolazione: sintomi

A seconda della persona, dell’intensità del sole e della durata dell’esposizione, i sintomi possono variare. Ecco i più comuni:

  • pelle molto calda e disidratata, soprattutto sul viso
  • un cambiamento nella frequenza cardiaca
  • una leggera febbre

Se la febbre è alta (più di 39°), i rischi per la salute sono maggiori, e questi sintomi più gravi richiedono una consultazione di emergenza, soprattutto per gli anziani o i bambini piccoli, la cui vita può essere in pericolo:

  • febbre alta
  • difficoltà respiratorie
  • nausea o addirittura vomito
  • ronzio nelle orecchie
  • vertigini, perdita di coscienza
  • emicrania o forte mal di testa e torcicollo
  • disidratazione intensa

Quanto dura?

A seconda dell’età e della resistenza della persona colpita, il colpo di sole può durare diverse ore, con picchi ripetuti nel corso della giornata e anche due o tre giorni di seguito. Può iniziare molto rapidamente se il colpo di calore è associato all’attività fisica.

Un intervento rapido limita il dolore e le conseguenze del colpo di calore. Poiché il cranio si comporta come un accumulatore, ci vuole del tempo per dissipare il calore accumulato. Il colpo di sole non si ferma una volta che la persona è all’ombra e al fresco. Bisogna continuare a raffreddare la testa per evitare il rischio di ipertermia.

Cosa fare in caso di insolazione?

Appena compaiono i primi sintomi, la temperatura corporea deve essere abbassata.
Per fare questo, prima spostatevi in un luogo fresco e arieggiato, raffreddatevi con un panno bagnato, una bottiglia spray o una doccia fresca (non troppo fredda per evitare lo shock termico).
Poi reidratatevi bevendo acqua in piccole quantità.
Infine, si può prendere una compressa di paracetamolo per calmare il dolore (mai più di 4 grammi al giorno) e soprattutto riposare.

Se siete in presenza di qualcuno che è stato troppo tempo al sole e perde conoscenza, vomita o ha la febbre, mettetelo in posizione laterale e spruzzatelo con acqua fresca fino all’arrivo dei soccorsi.

Precauzioni

Il colpo di sole è più comune tra le persone anziane, i neonati e i bambini piccoli, ma può succedere a chiunque. Fortunatamente, può essere evitato con alcuni semplici riflessi.

In primo luogo, limitando l’esposizione al sole quando la temperatura esterna è superiore a 21°, anche nelle giornate nuvolose (i raggi UV passano comunque attraverso le nuvole). In secondo luogo, indossando un cappello o un berretto che copra la testa e la fronte. Infine, idratandosi regolarmente e rimanendo all’ombra durante le ore calde.

In macchina, se c’è un ingorgo, non esitate a usare l’aria condizionata, e non lasciate mai un bambino o una persona anziana che non può muoversi in macchina o in un altro posto confinato al sole per più di qualche minuto. Se fai sport, scegli la sera o la mattina, indossa abiti traspiranti e bevi molta acqua.