Salute

Invisalign, come funziona?

invisaglign-come-funziona

La tecnica Invisalign è una tecnica di ortodonzia tramite allineatori. L’ortodontista utilizzerà vassoi trasparenti e rimovibili per effettuare i movimenti dentali.

Distinguiamo:

  • ortodonzia funzionale (riguarda soprattutto i bambini, si tratta di apparecchi rimovibili)
  • ortodonzia con staffe (metallo, ceramica, linguale…)
  • ortodonzia a vassoio, di cui parleremo in questo articolo.

Questa tecnica ha rivoluzionato l’ortodonzia moderna ed è una delle uniche alternative ai famosi apparecchi ortodontici.

È diventato sempre più popolare negli ultimi anni, soprattutto tra gli adulti che cercano un trattamento ortodontico discreto e confortevole.

I vassoi sono utilizzati anche nei bambini e negli adolescenti che apprezzano il comfort offerto da questo apparecchio.

Come si svolge un trattamento Invisalign?

L’impronta digitale

Per iniziare il processo, l’ortodontista deve raccogliere tutti gli elementi necessari per elaborare il vostro piano di trattamento.

Questo sarà fatto durante la sessione diagnostica in cui il vostro ortodontista farà foto (viso, denti e morso), radiografie (panoramica e teleradiografia di profilo) e impronte.

In passato, le impronte venivano fatte usando un materiale come l’alginato o il silicone, che veniva messo in vassoi da impronta per fare uno “stampo” dei denti. Questa è la famosa “pasta” usata dal vostro dentista o ortodontista.

Oggi la tecnica si è evoluta e la maggior parte delle impronte sono realizzate con una telecamera 3D (Itero, 3 shape…) che permette di scansionare i denti del paziente e di ottenere un modello 3D delle arcate del paziente.

Questa tecnica di registrazione ha il vantaggio di una maggiore affidabilità e di un migliore comfort.

Simulazione: cos’è il clincheck?

Utilizzando il modello 3D ottenuto durante l’impronta digitale e gli elementi diagnostici, il vostro ortodontista realizzerà una simulazione dei movimenti dentali fino al risultato finale.

Dopo aver analizzato tutte le informazioni raccolte durante la sessione diagnostica, l’ortodontista determinerà la posizione perfetta nelle 3 dimensioni dello spazio per ogni dente in relazione ai riferimenti occlusali ed estetici (sorriso, profilo, forma dei denti, ecc.).

Poi svilupperà la meccanica più efficiente per spostare i denti dalla posizione iniziale alla posizione desiderata.

Una volta determinati gli obiettivi e la meccanica, queste informazioni saranno simulate digitalmente: questo è il clincheck.

Il clincheck è quindi uno strumento digitale per la pianificazione del trattamento invisalign. Il vostro ortodontista lo utilizza per analizzare e modificare la posizione di tutti i denti, così come per determinare la sequenza e la velocità di movimento dei denti in modo individualizzato per ogni paziente.

Come ogni strumento, richiede una certa abilità per usarlo correttamente ed evitare le sue insidie. L’esperienza del professionista è un fattore determinante nell’elaborazione della simulazione e nell’ottenere i risultati desiderati. È molto facile spostare i denti sulla simulazione, ma solo un professionista esperto sarà in grado di eseguire una simulazione che può essere applicata in modo sicuro ai denti del paziente.

Il clincheck è quindi un eccellente strumento di pianificazione ma anche di comunicazione con il paziente.

Una volta finito, il vostro operatore potrà mostrarvi il clincheck e spiegarvi i diversi movimenti dentali e i risultati desiderati. Questo ti permetterà di immaginarti con il tuo nuovo sorriso e quindi di motivarti!

Anche se il clincheck è relativamente affidabile, è solo una simulazione ed è per questo che sarà spesso necessario rifare uno o più clincheck durante il trattamento per aggiustare i risultati fino ad ottenere la posizione desiderata dei denti.

Qual è lo scopo dei tacchetti?

I tacchetti possono essere descritti come piccole gocce di composito, di diverse dimensioni e forme, che permetteranno al vassoio di avere una migliore “presa” sul dente per fargli eseguire il movimento desiderato.

Infatti, alcuni denti hanno una forma particolarmente rotonda per esempio ed è difficile spostarli senza che scivolino nel vassoio. Possiamo immaginare che i tacchetti svolgano il ruolo di un manico di tazza che ci permette di afferrare meglio l’oggetto ed evitare così che ci scivoli tra le dita, nello stesso modo in cui vogliamo evitare che il dente scivoli nella grondaia.

La loro posizione e forma dipenderà dal movimento dentale desiderato. Il più delle volte l’ortodontista eviterà di mettere le tacchette sul lato visibile dei denti anteriori, tuttavia alcuni denti mal posizionati richiederanno la presenza di queste tacchette.

La buona notizia è che questo non sarà necessariamente il caso per tutto il trattamento!

Di solito vengono applicati durante la prima seduta, quando il tuo ortodontista ti darà gli allineatori.

Possono essere cambiati durante il corso del trattamento e saranno rimossi alla fine del trattamento o a volte anche durante il corso del trattamento.

I vassoi: come spostano i denti?

I vassoi sono fatti su misura grazie all’impronta 3D fatta in precedenza.

Il materiale utilizzato da Invisalign ® è una plastica speciale che ha la caratteristica di essere elastica, vale a dire che il vassoio ha la capacità di deformarsi per posizionarsi sui denti e poi cercare di trovare la sua forma producendo forze esercitate sui denti per spostarli.

Per schematizzare, il primo vassoio ha la forma dei denti iniziali e l’ultimo vassoio ha la forma dei denti nella posizione desiderata, tra questi due vassoi ci sarà un certo numero di vassoi che sposteranno i denti poco a poco per passare dalla situazione iniziale a quella finale.

Il cambio regolare dei vassoi permette di applicare e mantenere forze molto morbide sui denti durante tutto il trattamento.

Elastici: sono obbligatori?

Gli allineatori permetteranno i movimenti intra-architettonici. Vale a dire che renderanno possibile lo spostamento dei denti all’interno della loro arcata (esempio: la rotazione di un dente). D’altra parte, poiché gli allineatori superiori e inferiori sono indipendenti, non permettono alcun movimento interarco, cioè il rapporto tra l’arcata superiore e inferiore. E questa relazione si chiama anche occlusione…

Ci sono diversi modi per posizionare gli elastici:

I ritagli direttamente nel bocchino possono anche essere utilizzati per posizionare gli elastici.

Per schematizzare, i tray permettono di risolvere i problemi intra-arco (allineamento dentale) ma è anche necessario regolare le relazioni inter-arco (occlusione) e ciò viene fatto spostando i denti superiori rispetto agli inferiori (e viceversa) grazie agli elastici…

Quindi gli elastici con gli allineatori sono importanti per una buona occlusione! (possono anche avere altri ruoli che saranno descritti in un futuro articolo).

Trattamento con apparecchi o Invisalign: cosa cambia?

Come lavare i denti durante un trattamento Invisalign?

È frequente osservare un deterioramento dell’igiene in particolare nei nostri giovani pazienti durante l’installazione degli anelli ortodontici.

Anche se è abbastanza possibile mantenere un’igiene adeguata in presenza di un apparecchio, ciò richiede una certa dose di destrezza e motivazione. Questo perché è più difficile mantenere una buona pulizia dei denti quando sono presenti gli apparecchi.

Trattengono più facilmente la placca e il cibo.

La spazzolatura diventa più complicata, richiedendo, per esempio, l’aggiunta di spazzolini interdentali per assicurare la corretta pulizia delle superfici dei denti.

Gli allineatori ortodontici possono essere rimossi per mangiare e spazzolare, riducendo così la placca e la ritenzione di cibo. Questo rende l’igiene più facile che con l’apparecchio.

È necessario evitare di mangiare alcuni cibi durante un trattamento Invisalign?

Il porto di un apparecchio ortodontico di tipo braces richiede un adattamento del cibo. Si raccomanda in particolare di evitare i cibi troppo duri o appiccicosi per evitare il distacco dell’apparecchio causando urgenza e rallentamento del trattamento.

Come menzionato sopra, gli allineatori ortodontici vengono rimossi per mangiare, dando ai pazienti la libertà di mangiare.

Un altro problema con il mangiare è la natura ritentiva dell’apparecchio, tra cui il cibo spesso si incastra durante il mangiare. Questo può portare a disagio e a ulteriori manovre igieniche per rimuoverli.

Anche in questo caso, la rimozione dei vassoi durante l’alimentazione libera il paziente da questi vincoli.

Fatto divertente: alcuni pazienti testimoniano di aver perso peso durante il trattamento con gli allineatori a causa dell’impossibilità di sgranocchiare con essi!

È difficile parlare con Invisalign?

Qualunque sia il tipo di apparecchio, è un nuovo elemento nella tua bocca e richiederà qualche giorno/settimana di adattamento.

Alcuni apparecchi però, in particolare gli apparecchi linguali (apparecchi all’interno) possono essere particolarmente scomodi e causare disagio durante tutto il trattamento.

Con il trattamento con il vassoio c’è di solito un periodo di adattamento di alcuni giorni in cui il paziente può sperimentare un leggero disagio o biascicamento che in quasi tutti i casi scompare dopo alcuni giorni di utilizzo.

Quanto spesso dovrei vedere il mio ortodontista?

C’è una differenza fondamentale nell’applicazione delle forze ortodontiche sui denti tra apparecchi e allineatori.

Nell’ortodonzia con allineatori (Invisalign…), abbiamo visto che ogni allineatore esercita una leggera pressione deformandosi, quindi sposterà il dente di qualche decimo di millimetro. È il cambio ricorrente dell’allineatore (una o due settimane tra ogni allineatore) che permetterà al dente di essere spostato progressivamente.

Per gli apparecchi, il meccanismo è un po’ diverso. È il filo che viene inserito nell’apparecchio che lo sposterà. L’ortodontista userà fili sempre più rigidi per spostare i denti nella posizione desiderata, motivo per cui il paziente ha spesso l’impressione che l’ortodontista stia “stringendo” l’apparecchio.

A seconda del tipo di filo, ci sarà una forte forza all’inizio della “attivazione” e poi la forza diminuirà progressivamente fino a quando sarà necessario “riattivare” il filo (ogni 6-8 settimane).

È comprensibile che nel caso dell’apparecchio, siano necessarie visite ricorrenti dall’ortodontista per far avanzare il trattamento.

Per i trattamenti Invisalign è diverso, tutti i movimenti sono già stati determinati e programmati dall’ortodontista quando sono stati fatti i tray. In teoria, sarebbe anche possibile realizzare l’intero trattamento (soprattutto per i trattamenti brevi) senza tornare dall’ortodontista.

Questo rimane teorico perché in pratica e come abbiamo visto sopra, il clincheck è solo una simulazione e raramente va perfettamente come nella simulazione. Per questo è essenziale che il vostro ortodontista controlli il trattamento durante tutto il processo per ottenere buoni risultati.

Tuttavia, come visto sopra, questa pratica permette di ridurre la frequenza degli appuntamenti e quindi i vincoli di viaggio verso il vostro ortodontista.

Infine, le nuove tecnologie permettono anche al tuo ortodontista di seguire il tuo trattamento senza che tu debba lasciare la tua casa, riducendo ulteriormente la necessità di viaggiare dal tuo ortodontista dandoti più tempo e libertà.

Ci sono problemi con Invisalign?

Il principale problema incontrato dal paziente trattato con l’apparecchio è il distacco dell’apparecchio. Questo può accadere per molte ragioni e a volte si verifica anche se viene rispettata una dieta adattata.

Gli apparecchi allentati possono portare a piccole ferite o disagi. Ma soprattutto, richiede una visita dall’ortodontista per riposizionare la banda allentata.

Il tempo trascorso ha poi un impatto sulla durata del trattamento (che può essere allungato se ci sono troppi incidenti di questo tipo) e sulla frequenza delle visite dall’ortodontista.

L’ortodonzia a vassoio affronta questo problema rimuovendo la maggior parte del materiale incollato dai denti, riducendo così il rischio di disagio o di visite di emergenza dall’ortodontista. Questo fa risparmiare tempo sul trattamento e riduce anche il numero di visite dall’ortodontista.

Gli allineatori sono discreti?

Discreto sì, invisibile no!

L’unica tecnica assolutamente invisibile è la tecnica ortodontica linguale (staffe all’interno). Tuttavia, come abbiamo visto sopra, la tecnica linguale può essere molto scomoda.

La tecnica Invisalign è quindi un buon compromesso tra discrezione e comfort.

Testimonianza di un paziente alla domanda sulla discrezione degli allineatori invisalign: “Penso di sì! Le uniche persone che mi hanno chiesto se faccio Invisalign sono quelle che l’hanno fatto anche loro.

Penso che si sviluppi una sorta di radar Invisalign una volta che lo si conosce.