La polvere del Sahara si è rivelata radioattiva

Ricordi la sabbia del Sahara che ha ricoperto l'Europa il 6 febbraio 2021? Oggi scopre che in questa sabbia c'erano tracce di test nucleari francesi nel Sahara dei primi anni '60 sotto forma di Cesio-137

0 195

Ricordi la sabbia del Sahara che ha ricoperto l’Europa il 6 febbraio 2021? Oggi scopre che in questa sabbia c’erano tracce di test nucleari francesi nel Sahara dei primi anni ’60 sotto forma di Cesio-137

La polvere è stata analizzata dal laboratorio ACRO e gli scienziati hanno chiaramente identificato la presenza di Cesio-137, un radioelemento artificiale creato dalla fissione nucleare durante un’esplosione nucleare.

La quantità di tracce di Cesio-137 abbandonata (80.000 Bq per km2) non è pericolosa per la nostra salute. Eppure una nuvola di polvere ha sparso vecchie tracce di Cesio-137 ovunque in Francia e nei paesi vicini.

Il cesio-137 ha un’aspettativa di vita di 30 anni. Perde la metà del suo contenuto radioattivo ogni 30 anni. Pertanto, dopo 7 cicli di 30 anni, si ritiene che rimanga solo l’1% del materiale radioattivo.

La polvere del Sahara si è rivelata radioattiva

In effetti questo significa che nel Sahara e nel sud dell’Algeria la popolazione convive quotidianamente con queste tracce di Cesio-137, alcune zone sono ancora fortemente inquinate, questo dà un’idea dell’inquinamento in quel momento.

A metà del 20 ° secolo, le armi nucleari furono testate nel Sahara. Così, la Francia ha condotto il primo test nucleare il 13 febbraio 1960, vicino a Regana, nel sud dell’Algeria. La bomba atomica con una capacità di 70 kilotoni “Blue Gerboise” è esplosa alle 7 del mattino ora locale, trasformandosi in un’esplosione che è diventata 3-4 volte più potente che a Hiroshima.

La polvere del Sahara si è rivelata radioattiva

Dal 1960 al 1966 in Algeria furono effettuati 17 test nucleari aerei e sotterranei. Tuttavia, poi il sito di test nucleari è stato spostato in Polinesia, dopo di che i test nucleari sono stati finalmente fermati da Jacques Chirac il 29 gennaio 1996.

L’episodio del 6 febbraio ha certamente un livello di inquinamento molto basso, ma si aggiungerà ai precedenti test nucleari degli anni ’60 e all’indomani del disastro nucleare di Chernobyl. Ora, 60 anni dopo, queste tracce di test nucleari ci stanno tornando come un boomerang.

Sarebbe interessante sapere se la polvere del Sahara che raggiunge il sud-ovest degli Stati Uniti quasi ogni anno contiene questa sostanza radioattiva.

Ci sono molte cose strane associate a questa “polvere del Sahara”. Non c’era mai stata e all’improvviso è apparsa. Inoltre, ce n’è così tanto che si riversa anche proprio nel Sahara stesso e nei paesi della regione:

E ora, a quanto pare, anche questa polvere è radioattiva. La storia dei test nucleari è difficile da credere, perché la rosa dei venti viene studiata prima del test nucleare. Se la “polvere del Sahara” è la norma, se lo è sempre stata, allora questo punto avrebbe dovuto essere preso in considerazione. Ma non ne hanno tenuto conto.

Supponiamo che i francesi abbiano sbagliato e non abbiano tenuto conto della “polvere del Sahara” che arriva anche sulle coste degli Stati Uniti, in questo caso, già nei primi anni dopo il primo test nucleare, l’Europa avrebbe dovuto brillare come un reattore atomico. Ma non è successo. E poiché questo non è accaduto, prima non c’era la “polvere del Sahara”. Questa non è polvere del Sahara, è decisamente qualcos’altro. E quest’altro, a quanto pare, è anche radioattivo.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.