L’Agenzia spaziale europea promette l’ibernazione tra 20 anni

0 24

L’ESA, l’Agenzia spaziale europea (ESA), ha annunciato che entro 20 anni da oggi, gli astronauti che intraprenderanno viaggi spaziali saranno in camere di ibernazione, rendendo i viaggi verso altri mondi molto lontani una realtà assoluta.

L’idea teorica dell’ibernazione è apparsa per la prima volta all’inizio del secolo scorso, quando i creatori della fantascienza, nei libri e sullo schermo, inviando i loro eroi in missioni lontane, li hanno immersi nel crio-sonno.

L’ESA ritiene che l’immersione degli astronauti nel crio-sonno sia la soluzione migliore. In particolare, per garantire la vita anche a un piccolo equipaggio per diversi anni, sono necessari un certo spazio vitale, sistemi di rigenerazione dell’aria e dell’acqua e scorte alimentari serie. Se tutto questo viene rimosso, la dimensione della navicella viene ridotta di almeno un terzo.

Tuttavia, per attuare questa idea, è ancora necessaria una seria ricerca in medicina e al momento l’ibernazione degli astronauti non è ancora possibile. Tuttavia, i medici dell’ESA hanno già alcune basi. Prima di tutto, queste sono procedure per rallentare il metabolismo delle persone nel periodo postoperatorio, dopo vari infortuni. Tutto questo è già attivamente utilizzato nella medicina moderna, ma i ricercatori stanno guardando oltre e intendono ridurre il tasso metabolico del 75%.

La dott.ssa Jennifer Ngo-An, leader del gruppo di ricerca, spiega: “Qualche tempo fa, l’ibernazione non è stata proposta come fantasia, ma come un vero e proprio punto di svolta nei viaggi spaziali. L’idea di mettere gli astronauti in un lungo letargo non è poi così folle.

Questo metodo è stato proposto decenni fa per i pazienti con trauma in condizioni critiche, così come per le persone che hanno subito operazioni ripetute a lungo termine. La maggior parte dei principali centri medici dispone da tempo di protocolli specifici per indurre l’ipotermia nei pazienti. Riducono drasticamente il metabolismo del corpo, il che consente ai medici di guadagnare tempo e mantenere i pazienti in forma migliore di quanto sarebbero.

Se fossimo in grado di abbassare il tasso metabolico di base dell’astronauta del 75%, simile a quello che vediamo in natura in grandi animali svernanti come alcuni orsi, potremmo ottenere risparmi significativi in ​​massa e costi, rendendo più lunghe missioni di ricerca possibile.

Stiamo cercando di sfruttare questo in futuro studiando attualmente i meccanismi cerebrali che vengono attivati ​​o bloccati durante l’inizio dell’ibernazione. Gli esperimenti iniziano sugli animali con una transizione graduale agli esperimenti sull’uomo “. La seconda direzione della ricerca è ottenere una sorta di antigelo, che viene evolutivamente utilizzato dai batteri in grado di congelare e anche alcuni rettili. Ad esempio, sono allo studio le cosiddette raganelle, che sopravvivono facilmente al gelo, prima di trasformarsi in una pietra di ghiaccio.

Il meccanismo per questo è attualmente ben compreso. L’antigelo di questi animali è costituito da proteine ​​nucleatori specifiche e glucosio. Prima del congelamento, le cellule di rana ne raccolgono così tanto che il citoplasma sembra più sciroppo di zucchero che acqua. Al momento, la tecnologia è in fase di sperimentazione su animali con la prospettiva di utilizzarla per la conservazione a lungo termine degli organi dei donatori. Oltre a questi studi, l’ESA sta compiendo altri passi pratici. In particolare, l’agenzia gestisce il CDF (Concurrent Design Facility), un moderno centro tecnico che riunisce gruppi di specialisti di diversi profili per una prima valutazione delle missioni future proposte.

Robin Bisbrook di CDF afferma: “Stiamo attualmente lavorando sull’architettura generale della futura nave, sviluppando il suo sistema logistico, la schermatura dalle radiazioni, il consumo di energia e il progetto generale della missione. Stiamo valutando il modo migliore per mettere la squadra in modalità crio-sonno, pensando a cosa fare in situazioni di emergenza, se in questo momento l’equipaggio è in capsule.

Stiamo anche esaminando l’impatto che l’ibernazione avrà sulla psicologia di squadra. Per ora, il nostro obiettivo è valutare i vantaggi dell’ibernazione degli astronauti per i voli verso pianeti come Marte. Tuttavia, abbiamo già una tabella di marcia graduale, secondo la quale l’ibernazione diventerà una realtà in circa 20 anni “.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.