L’inclinazione di Saturno causata dalle sue lune

0 20

Due scienziati del CNRS e della Sorbonne University che lavorano presso l’Institute of Celestial Mechanics and Ephemeris Calculation (Paris Observatory – PSL / CNRS) hanno appena dimostrato che l’influenza dei satelliti di Saturno può spiegare l’inclinazione dell’asse di rotazione del gigante gassoso. Il loro lavoro, pubblicato il 18 gennaio 2021 sulla rivista Nature Astronomy , prevede inoltre che l’inclinazione aumenterà ulteriormente nei prossimi miliardi di anni.

Un po ‘come Davide contro Golia, sembra che l’inclinazione di Saturno possa in effetti essere causata dalle sue lune. Questa è la conclusione di un recente lavoro svolto da scienziati del CNRS, dell’Università della Sorbona e dell’Università di Pisa, che mostra che l’attuale inclinazione dell’asse di rotazione di Saturno è causata dalla migrazione dei suoi satelliti, e soprattutto da quella della sua luna più grande , Titano.

Recenti osservazioni hanno dimostrato che Titano e le altre lune si stanno gradualmente allontanando da Saturno molto più velocemente di quanto gli astronomi avessero stimato in precedenza. Incorporando questo aumento del tasso di migrazione nei loro calcoli, i ricercatori hanno concluso che questo processo influisce sull’inclinazione dell’asse di rotazione di Saturno: man mano che i suoi satelliti si allontanano, il pianeta si inclina sempre di più.

Si pensa che l’evento decisivo che ha inclinato Saturno si sia verificato relativamente di recente. Per oltre tre miliardi di anni dopo la sua formazione, l’asse di rotazione di Saturno è rimasto solo leggermente inclinato. È stato solo circa un miliardo di anni fa che il movimento graduale dei suoi satelliti ha innescato un fenomeno di risonanza che continua ancora oggi: l’asse di Saturno ha interagito con il percorso del pianeta Nettuno e gradualmente si è inclinato fino a raggiungere l’inclinazione di 27 ° osservata oggi.

Questi risultati mettono in discussione scenari precedenti. Gli astronomi erano già d’accordo sull’esistenza di questa risonanza. Tuttavia, credevano che fosse accaduto molto presto, oltre quattro miliardi di anni fa, a causa di un cambiamento nell’orbita di Nettuno. Da quel momento, si pensava che l’asse di Saturno fosse stabile. In effetti, l’asse di Saturno è ancora inclinato e ciò che vediamo oggi è solo una fase di transizione in questo cambiamento. Nei prossimi miliardi di anni, l’inclinazione dell’asse di Saturno potrebbe più che raddoppiare.

Il team di ricerca aveva già raggiunto conclusioni simili sul pianeta Giove, che dovrebbe subire un’inclinazione paragonabile a causa della migrazione delle sue quattro lune principali e della risonanza con l’orbita di Urano: nei prossimi cinque miliardi di anni, l’inclinazione dell’asse di Giove potrebbe aumentare da 3 ° a più di 30 °.

 

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.