Per il lancio del razzo New Glenn, dovremo ancora aspettare

La perdita di un lucroso contratto con il Pentagono costringe la compagnia Blue Origin a posticipare il lancio inaugurale del suo nuovo lanciatore: il New Glenn.

0 19

La perdita di un lucroso contratto con il Pentagono costringe la compagnia Blue Origin a posticipare il lancio inaugurale del suo nuovo lanciatore: il New Glenn.

Anche se in ritardo , Blue Origin, creato nel 2000 da Jeff Bezos (Amazon), oggi si presenta come il principale concorrente di SpaceX . Per diversi anni, la società ha sviluppato un razzo alto 95 metri e parzialmente riutilizzabile chiamato New Glenn, che dovrebbe offrire una capacità di sollevamento fino a quattordici tonnellate in orbita geostazionaria e fino a cinquanta tonnellate in orbita terrestre bassa.

Il veicolo si unirà presto alla flotta di lanciatori commerciali della NASA per operare voli dalla metà del 2020.

Un lancio inaugurale ritardato

Fino ad ora, si era parlato del primo volo di questo razzo operato quest’anno. Sfortunatamente, la società ha indicato giovedì che dovrà aspettare fino al quarto trimestre del 2022 a causa di un contratto chiave del Pentagono perso lo scorso anno.

La compagnia è stata infatti coinvolta nel nuovo Air Force National Security Launch Program, che ha garantito a due società statunitensi contratti multimiliardari e una quota di tutti i lanci del Pentagono tra il 2022 e il 2027. L’Air Force ha finalmente puntato gli occhi su SpaceX e United Launch Alliance (una joint venture che coinvolge Boeing e Lockheed Martin).

Jarrett Jones, vicepresidente senior di Blue Origin, stima la perdita di tali contratti in circa 3 miliardi di dollari. ” Speriamo di lanciare carichi utili [per la sicurezza nazionale] in futuro e rimanere impegnati a servire la missione di difesa degli Stati Uniti “, si legge in una dichiarazione.

Il meglio deve ancora venire

Questo è ovviamente un duro colpo per Blue Origin, ma l’azienda promette di brillare nei prossimi anni. Jeff Bezos, che presto si dimetterà dalla carica di CEO di Amazon per diventarne il presidente esecutivo, d’ora in poi dovrebbe effettivamente essere più coinvolto nell’azienda.

Ricorda che Blue Origin è ancora in corsa per far cadere i prossimi umani sulla Luna come parte del programma Artemis della NASA, con il suo lander Blue Moon (versione migliorata). Le altre due società in corsa sono Dynetics e SpaceX.

Un’altra linea di business cruciale per l’azienda è lo sviluppo del suo motore a razzo BE-4 che alimenterà il New Glenn. Questo motore infatti alimenterà anche il razzo Vulcaniano della United Launch Alliance, lo stesso che ha battuto il New Glenn sul lucroso contratto con il Pentagono. Il launcher Vulcan è sulla buona strada per essere lanciato entro la fine dell’anno .

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.