Straordinaria tecnologia nei tempi antichi

0 9

Nel XIII secolo i monaci francescani erano considerati le persone più istruite. Così il fratello di quest’ordine, Roger Bacon, divenne famoso come un eccezionale naturalista e filosofo inglese.

Nel suo “Messaggio sulle azioni segrete dell’arte e della natura e sull’insignificanza della magia”, il dotto monaco sostenne che nei tempi antichi l’umanità aveva molti meravigliosi dispositivi tecnici che erano molte migliaia di anni in anticipo sui tempi.

Così, ha descritto l’esistenza di “grandi navi senza rematori che hanno attraversato fiumi e mari, controllate da una persona, e ad una velocità maggiore che se fossero piene di rematori”; “Ponti sui fiumi senza sostegni o alcun tipo di supporto”; “Strumenti per il volo: in modo che una persona sieda al centro dello strumento, ruotando un’invenzione”; “Carretti che si muovevano senza animali da tiro con una velocità inimmaginabile”; “Strumenti con l’aiuto dei quali una persona può tirare con la forza mille persone contro la loro volontà.”

Bacon aveva un’accurata descrizione di “un piccolo strumento che solleva e abbassa pesi impensabili. … con l’aiuto di uno strumento alto tre dita e della stessa larghezza, una persona potrebbe salvare se stessa ei suoi cari da ogni pericolo di prigione, e andare su e giù. ” Fino ad ora, i ricercatori delle opere del francescano non sono in grado di spiegare come un monaco potesse avere accesso alle descrizioni dei più antichi dispositivi tecnologici.

Ma tracce del loro uso nei tempi antichi sono state trovate in diverse parti del nostro pianeta. … con l’aiuto di uno strumento alto tre dita e della stessa larghezza, una persona potrebbe salvare se stessa ei suoi cari da ogni pericolo di prigione, e andare su e giù. ” Fino ad ora, i ricercatori delle opere del francescano non sono in grado di spiegare come un monaco potesse avere accesso alle descrizioni dei più antichi dispositivi tecnologici.

Ma tracce del loro uso nei tempi antichi sono state trovate in diverse parti del nostro pianeta. … con l’aiuto di uno strumento alto tre dita e della stessa larghezza, una persona potrebbe salvare se stessa ei suoi cari da ogni pericolo di prigione, e andare su e giù. ” Fino ad ora, i ricercatori delle opere del francescano non sono in grado di spiegare come un monaco potesse avere accesso alle descrizioni dei più antichi dispositivi tecnologici. Ma tracce del loro uso nei tempi antichi sono state trovate in diverse parti del nostro pianeta.

È sicuro chiamare lo strumento, che era di proprietà del leggendario re Salomone, l’Antico Testamento high-tech. Negli annali del “re dei re” è detto: “Salomone aveva un meraviglioso verme chiamato” Shamir “. Questo verme possedeva le proprietà di paletta e sfaccettatura. Con l’aiuto di “Shamir”, fu tagliata la pietra da taglio per il tempio e la casa di Salomone e si fece il taglio di pietre preziose per il koshen. Il verme aveva le dimensioni di un chicco d’orzo e gli oggetti più duri non potevano resistere alle sue proprietà miracolose.

Lo tenevano avvolto in un batuffolo di cotone in un recipiente di piombo pieno di crusca d’orzo “. Possiamo dire con sicurezza che è stato utilizzato nella costruzione del famoso santuario di tutti gli ebrei: il Tempio di Gerusalemme. Abbiamo sentito che Dio proibì a Salomone di usare uno strumento di ferro nella costruzione del tempio: “E quando questa casa fu costruita, poi l’hanno costruito con le solide pietre portate; nessun martello, nessuna ascia, nessuno strumento di ferro è stato sentito nella casa durante la sua costruzione “.

Veramente “Shamir” era un analogo di un laser moderno !!! Ecco cosa scrive l’autore – Rabbi Zamir Cohen nel libro “Torah and Science”: “Recentemente è aumentato l’uso dei raggi per il taglio di vari materiali, il che permette di produrlo con maggiore precisione e purezza. I laser sono utilizzati oggi in molti settori, dalla lavorazione dei diamanti alle sale operatorie. Sebbene le radiazioni, come l’elettricità, siano comuni in natura, la scienza ha appreso questi fenomeni di recente ed è riuscita a usarli solo nel nostro secolo.

I laser hanno iniziato a essere prodotti e utilizzati solo pochi decenni fa. E ora, si scopre che quasi tremila anni fa, quando il re Shlomo (Salomone) stava costruendo il Primo Tempio, i saggi della Torah conoscevano la possibilità di usare i raggi per tagliare materiali solidi “. Cohen credeva che “Shamir” usasse un qualche tipo di radiazione per tagliare le pietre: “Si dovrebbe semplicemente tenere Shamir di fronte al posto giusto e le radiazioni che emanano da lui hanno tagliato la pietra.” E il fatto che fosse necessario immagazzinare “Shamir” in una nave di piombo indica la possibile radiazione radioattiva emessa da questo dispositivo.

A proposito, questo strumento da taglio unico è andato a Salomone dal profeta Mosè. Fu questo dispositivo che Mosè usò per incidere i nomi di generazioni del popolo ebraico su pietre preziose molto prima della costruzione del tempio di Salomone. Di conseguenza, il dispositivo è stato portato dall’Egitto. È interessante che la traccia egizia possa essere rintracciata nel percorso di molti ritrovamenti tecnologici unici risalenti a tempi di antichità molto lontana.

La descrizione di un altro ritrovamento egizio, o meglio di un manufatto – l’Arca dell’Alleanza è molto simile, in termini di tecnologia, a quella sopra descritta, “Shamir”.

L’arca era pericolosa anche per la salute di chi si avvicinava. Coloro che lo servivano dovevano persino indossare indumenti protettivi speciali.

L’unica cosa che non è chiara è il fatto che attualmente l’Arca dell’Alleanza sarebbe conservata da qualche parte nei tesori della Chiesa Ortodossa Etiope, ma l’accesso ad essa per gli scienziati è chiuso. Ma molti segreti associati alle sacre reliquie, come l’Arca dell’Alleanza, avrebbero potuto essere rivelati, se specialisti qualificati se ne fossero presi cura.

Ma finora resta da speculare solo sulle informazioni divenute note grazie al lavoro di numerosi storici, archeologi e altri specialisti in vari campi della conoscenza.

Se consideriamo che l’uomo esiste sulla Terra da diversi milioni di anni e che la nostra civiltà ha decine di migliaia di anni, si può presumere che altre civiltà altamente sviluppate avrebbero potuto esistere sul pianeta prima di noi e incredibili manufatti risalgono ai tempi della loro vita sulla Terra.

Questi antichi manufatti includono le “palline ondulate” del Sud Africa. Per diversi decenni, i minatori di questa regione della terra hanno trovato sfere di metallo misteriose e molto strane – circa tre centimetri di diametro, con tre scanalature parallele nel mezzo. Le palline trovate possono essere attribuite a due tipi: alcune sono costituite da un unico pezzo di metallo bluastro e presentano macchie bianche, le seconde sono cave all’interno, riempite di una sostanza bianca sconosciuta. La roccia in cui si trovano queste meravigliose sfere appartiene alla lontana era Precambriana (e questo è di circa 2,8 miliardi di anni fa!). Oggi non esiste nemmeno una versione per quale scopo avrebbero potuto essere creati.

Straordinaria tecnologia nei tempi antichi

Un altro interessante ritrovamento storico sono le Ica Stones. Negli anni ’30 del secolo scorso, caddero accidentalmente nelle mani del dottor Javier Cabrera. Si interessò così tanto a loro che in seguito ne raccolse un’intera collezione da 1100 di tali pietre. Gli esperti hanno determinato la loro età – da 500 a 1500 anni. Su queste pietre ci sono immagini di idoli, scene di trattamento chirurgico e molto spesso immagini di natura sessuale (questo è tipico della cultura degli antichi). Inoltre su alcune rocce ci sono immagini colorate di dinosauri, stegosauri, brontosauri, pteosauri e sconosciute creature a tre zampe. Mi chiedo chi potrebbero vederli i loro antichi “artisti” per raffigurarli?

Inoltre, il ritrovamento di pescatori di perle vicino a Creta è di notevole interesse. Così, tra le statue di bronzo e marmo della nave affondata c’era un insolito dispositivo costituito da ruote e viti. Il dispositivo ha un’iscrizione sulla data di produzione: questo è l’80 ° anno aC! Gli esperti sono certi che questo dispositivo sia un analogo dell’astrolabio utilizzato dagli astronomi. Il dispositivo trovato è persino molto più complicato dell’astrolabio, quindi potrebbe essere utilizzato molto più ampiamente di quanto ipotizzano i ricercatori moderni. Allo stesso tempo, secondo le cronache più antiche, tali meccanismi divennero noti alle persone solo dal 1575!

Oggi anche i bambini conoscono le batterie ricaricabili. Ma c’è una batteria simile fatta duemila anni fa! Ha ricevuto il nome di “batteria di Baghdad” ed è stato trovato sulle rovine del periodo dei Parti. Il dispositivo stesso è costituito da un vaso di terra, all’interno del quale è posto un cilindro di rame con un nucleo di ferro ossidato. Gli esperti sono certi che se riempi questo artefatto con una soluzione alcalina o un acido, funzionerà come una normale batteria. Si presume che questa particolare batteria fosse utilizzata dagli antichi artigiani per rivestire oggetti d’oro mediante il metodo della deposizione elettrolitica. Se è così, perché ci sono così poche prove dell’esistenza di una tecnologia così progressista sulla Terra nei tempi antichi?

Impossibile non raccontare la scoperta dei geologi americani, che nel 1961 cercavano minerali tra le montagne della California. Hanno trovato una pietra straordinaria, valutandola semipreziosa. Dopo aver tagliato la pietra, i geologi hanno scoperto un oggetto di porcellana all’interno. Al centro del “riempimento” di porcellana della pietra c’era un’asta di metallo. Gli scienziati hanno suggerito che Madre Natura ha impiegato almeno 500 mila anni per racchiudere questo miracolo di porcellana nella pietra.

Nessuno dubita che l’oggetto trovato nella pietra sia un prodotto tecnico di una civiltà altamente sviluppata. Dopo ulteriori indagini sull’antico dispositivo, si è scoperto che il nucleo di porcellana era posto all’interno di un corpo esagonale, una molla sottile proveniva da una delle estremità dell’oggetto (come una candela moderna). Questo argomento ha provocato un acceso dibattito tra gli specialisti. Ma sfortunatamente,

Tra le altre cose, oggi si discute molto, un piccolo modello di aeroplano trovato nel 1898 nella tomba di Saqqvar. Gli esperti, avendo considerato l’argomento da un punto di vista aerodinamico, sostengono che la forma dell’ala, della fusoliera e della coda corrisponda perfettamente alle caratteristiche dello Space Shuttle americano.

Tutti noi a scuola abbiamo studiato fossili che si sono formati molti millenni fa. Ma ci sono fossili che non possono essere spiegati in alcun modo. Stiamo parlando di un’impronta di palma umana su pietra calcarea risalente a 110 milioni di anni fa. E, nell’Artico canadese, è stata trovata anche un’impronta digitale umana, risalente allo stesso periodo dell’impronta del palmo sopra. Nello Utah, è stata trovata un’impronta calzata con un sandalo: l’età del ritrovamento è di 600 milioni di anni fa.

Secondo la scienza storica, 65 milioni di anni fa, l’umanità non sapeva come lavorare il metallo. Ma, in Francia, nei depositi del periodo Cretaceo, furono trovati misteriosi tubi metallici. Non v’è alcun dubbio che sono stati creati dalle mani di esseri intelligenti.

Da tutto ciò che è stato detto, si possono ipotizzare diverse opzioni:
– persone intelligenti sono apparse sulla Terra molto prima di quel periodo di quanto affermiamo;
– nei tempi antichi, altre civiltà altamente sviluppate hanno vissuto sulla Terra;
– non disponiamo di metodi in grado di determinare con maggiore precisione l’età dei reperti.

Va anche notato che oggi non esiste una spiegazione coerente e convincente per nessuno degli artefatti trovati ed elencati sopra. Ma, in ogni caso, tutti i reperti trovati potrebbero spingere gli specialisti a rivedere e ripensare la vera storia della vita sul nostro pianeta. E stiamo aspettando sensazioni ancora più interessanti!

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.