TORRE DI BABELE: VERITÀ O MITO?

Con studiosi di diverse discipline che concludono che la Torre di Babele è una struttura storica costruita da Nabucodonosor utilizzando lavoratori provenienti da tutto il mondo conosciuto, il dottor Martin Schøyen presenta le sue opinioni sulle origini del racconto biblico.

0 146

Con studiosi di diverse discipline che concludono che la Torre di Babele è una struttura storica costruita da Nabucodonosor utilizzando lavoratori provenienti da tutto il mondo conosciuto, il dottor Martin Schøyen presenta le sue opinioni sulle origini del racconto biblico.

Con studiosi di diverse discipline che concludono che la Torre di Babele è una struttura storica costruita da Nabucodonosor utilizzando lavoratori provenienti da tutto il mondo conosciuto, il dottor Martin Schøyen presenta le sue opinioni sulle origini del racconto biblico.

Ho sempre pensato che fosse strano che Dio scendesse dal cielo sulla terra per interferire in un’impresa edile creando confusione linguistica. Ma è nelle antiche tradizioni che gli dei hanno interferito nelle guerre umane e in altre attività. Lo fecero gli dei sumeri e babilonesi, così come gli dei greci raccontati nell’Iliade e nell’Odissea. Ci sono stati molti tentativi di spiegare questa interferenza divina, ma nessuno di loro è convincente.

Il racconto biblico di Genesi 11 potrebbe avere uno sfondo e una spiegazione completamente diversi e pratici?

La risposta mi è apparsa evidente dal testo sulla stele della Torre di Babele ( MS 2063 ) pubblicato dal professor Andrew George nel 2011, e dalla sua ripubblicazione di varie iscrizioni simili di Nabucodonosor pubblicate dagli assiriologi per un periodo di oltre 100 anni che apparentemente hanno – e sorprendentemente – sfuggì all’attenzione dei teologi per tutto quel lasso di tempo. Come afferma l’iscrizione da MS 2063:

“Per completare E-Temen-anki [ziggurat di Babilonia] e E-Ur-me-imin-anki [ziggurat di Borsippa] al vertice – ho mobilitato tutti i paesi ovunque, ogni sovrano che era stato elevato alla ribalta su tutte le persone del mondo amate da Marduk, dal Mare Superiore al Mare Inferiore, le nazioni lontane, il popolo brulicante del mondo, i re di montagne remote e isole lontane – ”

Ci sono una serie di implicazioni storiche alla base di questa affermazione che meritano di essere prese in considerazione. Il restauro e la ricostruzione di due potenti ziggurat contemporaneamente è stata un’impresa enorme che ha richiesto circa 43 anni e la cottura di oltre 17 milioni di mattoni per la sola torre di Babilonia, richiedendo decine di migliaia di operai, nonché i migliori architetti, ingegneri, falegnami, specializzati in muratura e una miriade di altri lavoratori qualificati e non qualificati da realizzare. Provenienti da tutto il mondo allora conosciuto, parlavano le diverse lingue del mondo antico, e non potevano comunicare tra loro perché all’epoca non esistevano lingue franche estese (a parte l’accadico e l’aramaico geograficamente limitati). Va notato che il greco non sarebbe stato adottato per altre centinaia di anni dopo.

In breve, all’inizio c’era confusione, senza l’intervento divino degli dei babilonesi né di Yahweh. La confusione era totale, e in seguito i costruttori furono dispersi di nuovo nelle loro terre d’origine. Questi erano gli eventi che gli ebrei, durante il loro esilio babilonese, osservarono. Dopo la conquista di Gerusalemme da parte di Nabucodonosor, gli ebrei furono presi in cattività a Babilonia nel 597 e 586 a.C. e non furono rilasciati fino al 539 a.C. dal re Ciro. I lavori di costruzione di E-Temen-anki di Nabucodonosor continuarono forse fino alla fine del suo regno nel 562 a.C., in modo che gli ebrei potessero osservare i lavori e la confusione per un periodo di oltre 24 anni durante la loro prigionia in esilio. Successivamente, il re Ciro rimosse le grandi scale della Torre, che cadde gradualmente in rovina fino a quando fu completamente demolita da Alessandro Magno.

Così, quando il testo della Genesi è stato composto dagli ebrei durante l’esilio e dopo il ritorno in patria, hanno interpretato questa storia concreta del caos edilizio in un contesto teologico. Come dettato dalle tradizioni del tempo, Yahweh doveva essere invocato. Così fu scritto il presente testo in Genesi 11: 1-9:

Ora il mondo intero aveva una lingua e un discorso comune. Quando le persone si spostarono verso est, trovarono una pianura a Shinar (Babilonia) e vi si stabilirono. Si dissero l’un l’altro: “Vieni, facciamo i mattoni e cuociamoli bene”. Hanno usato mattoni invece di pietra e catrame per malta. Allora dissero: “Venite, costruiamoci una città, con una torre che raggiunga i cieli, così che possiamo farci un nome; altrimenti saremo dispersi su tutta la faccia della terra “. Ma il Signore scese per vedere la città e la torre che il popolo stava costruendo. Yahweh ha detto: “Quindi sono tutti un solo popolo con una sola lingua! Questo è solo l’inizio delle loro imprese! Quindi nulla di ciò che intendono fare sarà impossibile per loro. Vieni, scendiamo e confondiamo la loro lingua in modo che non si capiscano. Così il Signore li disperse di là per tutta la terra e smisero di costruire la città. Questo è il motivo per cui si chiamò Babele – perché là il Signore ha confuso la lingua del mondo intero. Di là il Signore li disperse su tutta la terra.

È anche degno di nota il fatto che questa storia dell’Antico Testamento sia seguita circa 500-600 anni dopo nel Nuovo Testamento. In Atti 2 lo Spirito Santo capovolge la confusione linguistica e fa sì che tutti, da qualunque parte provengano e quale lingua parlano, si capiscono. A quel tempo la lingua franca nell’impero romano era greca in oriente e latina in occidente.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.