Tracce dei grandi shock del passato: rovine nucleari e guerre stellari dell’antichità

0 41

Gli scienziati dicono spesso che la civiltà moderna è minacciata di morte a causa di una guerra globale che utilizza armi di distruzione di massa. Ciò che è curioso, epiche antiche e reperti archeologici a volte testimoniano a favore del fatto che qualcosa di simile è già accaduto sul nostro pianeta.

Campi di vetro

La terra dell’antico Egitto è piena di misteri. E sono associati non solo alle piramidi e alle sepolture nella Valle dei Re. Uno di questi misteri è associato a enormi campi di vetro verde fossile, sparsi per centinaia di chilometri quadrati nel deserto libico, vicino all’altopiano di Saad nella zona di confine tra Libia, Egitto e Sudan, dove si trovano le dune del Great Sandy Sea allungare.

Alcuni pezzi di questo bicchiere di origine naturale pesano fino a 26 chilogrammi, ma la maggior parte sono molto più piccoli e assomigliano a frammenti di una gigantesca bottiglia verde.

Per la prima volta questo vetro naturale sotto forma di piccoli ciottoli di vetro è stato trovato nel deserto libico già nel 1816, ma divenne ampiamente conosciuto dopo che Patrick Clayton, un dipendente dell’Egyptian Geological Herald, vide i campi di vetro stessi.

A 200 chilometri da questi depositi. sono stati ritrovati numerosi pezzi dello stesso vetro, insieme a punte di lancia, asce e altri strumenti che erano in uso tra gli antichi abitanti della zona. Alcuni dei prodotti hanno circa 100 mila anni.

Gli antichi egizi conoscevano questi depositi. Non solo lo sapevano, ma lo usavano anche per i propri scopi, ad esempio per la produzione di gioielli. Così, lo scarabeo, uno degli elementi della famosa collana del faraone Tutankhamon, scoperto da Howard Carter durante gli scavi nella Valle dei Re, è sapientemente scolpito nel vetro vulcanico. Da dove viene nel deserto?

È noto che la trasformazione della sabbia in vetro avviene per effetto del trattamento termico. La temperatura è richiesta alta, la sabbia si scioglie a 1700 ° C, quindi fiammiferi e sottobosco non possono fare qui. Quale fonte di calore sarà necessaria per trasformare centinaia di tonnellate di sabbia in vetro?

Ci sono diverse teorie su questo. Secondo uno, ad esempio, l’intera causa delle fulguriti è la sabbia, sinterizzata da un fulmine, la cui carica elettrica è sufficiente a fonderla.

Tracce dei grandi shock del passato rovine nucleari e guerre stellari dell'antichità

Tuttavia, è del tutto incomprensibile come le dune del deserto libico abbiano tirato così tanti fulmini. Secondo un’altra teoria, l’origine della formazione di depositi di vetro è un meteorite esploso nel deserto in tempi immemorabili.

Molti scienziati concordano sul fatto che la ragione della comparsa del vetro nel deserto sia stata l’invasione nell’atmosfera di un asteroide di cento metri, che correva a una velocità di 20 chilometri all’ora. Questa forse sarebbe una spiegazione impeccabile, se non per un “ma”: sulla superficie del Great Sand Sea non c’è né un cratere da impatto, né le sue tracce.

Nel frattempo, negli anni ’40, dopo aver testato una bomba nucleare nello stato del New Mexico, negli Stati Uniti, anche le sabbie del deserto si trasformarono in vetro verde fuso. È possibile concludere su questa base che le sabbie vetrate del deserto libico sono apparse in circostanze simili, solo più di 100mila anni fa, a seguito di un bombardamento nucleare, dopo il quale il deserto del Sahara ha occupato la maggior parte del Nord Africa?

Mohenjo Daro – Rovine radioattive

Tracce dei grandi shock del passato rovine nucleari e guerre stellari dell'antichità

Nel 1922, l’archeologo indiano R. Banardji scoprì le rovine di un’antica città nella valle dell’Indo. Gli scavi hanno dimostrato che era stato pianificato in modo impeccabile e dotato di impianti idraulici e fognari superiori a quelli utilizzati oggi in India e Pakistan.

L’antica città ha ricevuto il nome Mohenjo-Daro. Tra le sue rovine sono stati trovati pezzi di argilla fusi sparsi, che un tempo sotto l’influenza dell’alta temperatura si sono trasformati in vetro nero. Un’analisi dei campioni, effettuata presso l’Università di Roma e poi presso il laboratorio del Consiglio Nazionale delle Ricerche d’Italia, ha evidenziato che la fusione è avvenuta a 1500 ° C.

Una temperatura così antica avrebbe potuto essere ottenuta nella fornace di un’officina metallurgica, ma non in una vasta area aperta. Inoltre, gli archeologi hanno richiamato l’attenzione su un aspetto cupo dell’antica città.

Dopo aver esaminato attentamente le rovine, sono giunti alla conclusione che il grado di distruzione di edifici e strutture diminuisce man mano che si allontanano dal centro cittadino o, meglio, dall’epicentro dell’esplosione, che ha spazzato via completamente i singoli quartieri.

Gli scheletri trovati tra le rovine suggerivano che la morte avesse trovato delle persone all’improvviso. Infine, le ossa, come si è scoperto nel corso degli anni, erano radioattive.

Tracce dei grandi shock del passato rovine nucleari e guerre stellari dell'antichità

Il quadro misterioso e minaccioso ha trovato una spiegazione solo dopo che gli americani durante la seconda guerra mondiale hanno lanciato attacchi nucleari contro le città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki. Lì furono osservate le stesse inquietanti immagini di distruzione. Quindi Mohenjo Daro è morto in un attacco nucleare?

Testimone del Mahabharata

I testi sanscriti dell’antico poema epico indiano Mahabharata, composto da 18 libri e numerando oltre 200.000 versi, che è sette volte più dell’Iliade e dell’Odissea di Omero, contengono informazioni sulla religione, la visione del mondo, i costumi, la storia dell’antica India e le leggende su i suoi dei ed eroi.

Una parte significativa dell’epopea è dedicata alla descrizione delle ostilità che coinvolgono divinità, semidei e persone. I ricercatori ritengono che questi eventi si riferiscano alla storia semi-leggendaria dell’invasione dell’Hindustan da nord da parte delle tribù ariane, spingendo gli abitanti indigeni – Dravidi – nella parte meridionale della penisola.

Tuttavia, tra gli episodi di antiche battaglie comuni a quei tempi, ci sono anche scene dettagliate in cui è facile riconoscere l’uso di … artiglieria, razzi, aerei da combattimento, localizzatori, cortine fumogene, gas velenosi e persino armi nucleari.

Tracce dei grandi shock del passato rovine nucleari e guerre stellari dell'antichità

Ad esempio, in Dronaparva, uno dei libri del Mahabharata, viene descritta la battaglia, durante la quale esplosioni di proiettili, come enormi palle di fuoco, provocano tempeste e tempeste, inabilitano interi eserciti.

Come risultato di queste esplosioni, molti guerrieri nemici, insieme ad armi, elefanti e cavalli combattenti, volano in aria e vengono portati via da un potente turbine, come le foglie secche degli alberi.

Questo testo descrive anche il processo di comparsa di un fungo atomico caratteristico di un’esplosione nucleare. È paragonato all’apertura di un ombrello gigante. Dopo queste esplosioni, il cibo si è avvelenato e le persone sopravvissute si sono ammalate.

I sintomi della malattia corrispondevano esattamente ai principali segni di malattia da radiazioni: le persone avevano attacchi di vomito, i capelli e le unghie cadevano e poi si verificava la morte.

Tracce dei grandi shock del passato rovine nucleari e guerre stellari dell'antichità

Nell’epopea indiana, anche gli aerei antichi sono descritti in dettaglio: macchine volanti vimaana. Nel libro di Samarangan Sutradharan, vengono confrontati vari tipi di vimana tra loro, vengono menzionati i vantaggi e gli svantaggi di ciascuna varietà, vengono fornite le caratteristiche di volo, i metodi di atterraggio.

Particolare attenzione è riservata alle caratteristiche dei materiali strutturali come legno, metalli leggeri e loro leghe. Vengono anche indicati i materiali utilizzati per creare una forza trainante. Per quanto strano possa sembrare, il mercurio è tra questi ultimi.

Star Wars Antiquity

 

AV Koltypin nella sua opera “The Earth’s Disappeared Dwellers” attira l’attenzione sul fatto che nel Mahabharata, Bha-gavata-purana, Vishnu-purana e altri antichi testi indiani il viaggio spaziale sugli aeroplani è ripetutamente descritto da dei, demoni, eroi e vari creature mitiche.

“Chitraketu, il signore dei Vidyadharas (classe semidei, buoni spiriti dell’aria. – Ed.), È andato in viaggio attraverso le vaste distese dell’universo … sulla sua nave aerea abbagliante …”, “Correndo nello spazio, Maharaja Dhurva vide tutti i pianeti uno dopo l’altro. Ho visto il sistema solare sulla via degli esseri celesti nei carri dei cieli … “,” Così Maharaja Dhurva ha superato i sette sistemi planetari dei grandi saggi conosciuti come sapta-rishi … “,” Un discendente della dinastia Kuru, re Vasu poteva viaggiare al di fuori della Terra nelle regioni superiori del nostro Universo, e quindi, in quei tempi lontani, divenne famoso con il nome di Upari-chara, “Vagando attraverso i mondi superiori”.

Uno degli episodi del Mahabharata racconta come il grande guerriero Arjuna, dopo la battaglia con gli abitanti sottomarini dei nivatakavach, tornò in cielo sul suo carro volante anfibio e scoprì una città che volava nello spazio:

“Sulla via del ritorno, ho visto un’altra città enorme e sorprendente che poteva muoversi dove qualunque cosa. Brillava come il fuoco o il sole. “In questa città volante chiamata Hiranyapur, c’erano i demoni Danavan (daitya). Ad Arjuna fu ordinato di distruggerli. Notando l’avvicinarsi del suo aereo, i dan iniziarono a volare fuori dalla città nei loro carri celesti – beh, esattamente “Star Wars” di George Lucas! Poi Arjuna “una potente valanga di armi… ha bloccato questo formidabile flusso. Li ha spaventati, arando il campo di battaglia con un carro, e … i Danavas si sono schiantati a vicenda “.

Tracce dei grandi shock del passato rovine nucleari e guerre stellari dell'antichità

Sottoposti a un potente attacco da Arjuna, i Danavi sollevarono in aria la loro città volante. Poi Arjuna “con una potente pioggia di frecce… bloccò i daitiani e cercò di fermare il loro movimento.

Il dono dei daitya era diretto dove volevano, questa città celeste, fluttuante nell’aria, meravigliosamente scintillante, che si muoveva a volontà: o andava sottoterra, poi risorgeva, poi si spostava rapidamente di lato, quindi si tuffava nell’acqua. Alla fine, Arjuna colpì la città celeste con frecce di ferro, così simili alle moderne munizioni cinetiche. E quando i 60mila demoni sopravvissuti si precipitarono ad Arjuna nei loro carri volanti, li incenerì con un’arma chiamata Raudra, ovviamente una specie di arma nucleare.

Quindi, le scoperte degli archeologi e dei poemi epici antichi testimoniano davvero il fatto che molto tempo fa sul nostro pianeta e anche nello spazio infuriavano guerre incredibili con l’uso delle armi più avanzate. Ed è molto probabile che tali eventi siano accaduti ripetutamente.

 

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.