L’effetto Ganzfeld: come sperimentare forti allucinazioni senza droghe

0 29

Effetto Ganzfeld: A volte le allucinazioni possono comparire in una persona sana, se si trova in un ambiente uditivo e visivo omogeneo. Ad esempio, i ricercatori dell’Artico, che per molto tempo devono guardare le infinite distese di ghiaccio, oi minatori, dopo un incidente, si sono ritrovati rinchiusi in una miniera.

Questo fenomeno è chiamato “effetto ganzfeld”, è il “campo pieno” tedesco. Alcune persone evocano deliberatamente tali visioni in se stesse. È pericoloso per la psiche?

Cos’è l’effetto Ganzfeld?

Della sua esistenza, la gente conosceva l’effetto ganzfeld da molto tempo. Pertanto, le persone del nord che avevano a che fare con tali fenomeni credevano che queste visioni fossero state inviate alle persone dagli spiriti. I seguaci di Pitagora trascorrevano molto tempo in caverne oscure per acquisire saggezza connettendosi con il loro subconscio.

Quando ci troviamo in uno spazio omogeneo, infinito, dove non c’è nulla che possa attirare l’attenzione, possono comparire allucinazioni. Il cervello non riceve informazioni, né visive né uditive. Non può esistere nella realtà, dove non ci sono informazioni, quindi prende il rumore bianco come base e lo integra con una sorta di immagine visiva.

L’effetto ganzfeld non è un’aberrazione. Si basa sul lavoro del cervello, che ha bisogno di ricevere un flusso di informazioni dai sensi. Con l’aiuto di loro, riconosce i modelli a lui familiari, distribuisce modelli già pronti. Non ha bisogno di ricevere alcun comando o istruzione, il cervello svolge questo lavoro in modo indipendente. Se non ci sono abbastanza informazioni visive, integra l’immagine visiva delle sensazioni di propria iniziativa, cioè una persona vede ciò che non c’è realmente.

Ciò è stato confermato sperimentalmente negli anni ’30 da Wolfgang Metzger. I suoi soggetti, osservando a lungo un campo omogeneo, iniziarono a vedere allucinazioni. Ci sono istruzioni seguendo le quali puoi evocare queste visioni in te stesso.

Per provare questo metodo per te stesso, devi trovare una pallina da ping-pong pulita, tagliarla a metà. Si consiglia di accendere la luce rossa nella stanza o spegnere l’illuminazione. Per creare “rumore bianco”, è necessario sintonizzare la radio in modo che si senta solo il sibilo. Puoi sdraiarti, fissare le metà del palloncino davanti ai tuoi occhi e aspettare. Se non ti addormenti, possono comparire allucinazioni dopo 10-30 minuti.

Gli esperti sconsigliano di farlo. Gli psichiatri scrivono che questa procedura è stressante per la psiche. Se una persona ha causato in se stesso tali visioni molte volte, può sviluppare stati nevrotici. Ma se dovessi affrontare questo fenomeno, non dovresti preoccupartene, non dovrebbero esserci conseguenze negative per la psiche.

L’effetto ganzfeld e la telepatia

Si ritiene che l’effetto ganzfeld sia associato alla chiaroveggenza. A causa del fatto che gli analizzatori uditivi e visivi sono completamente disattivati, una persona sembra uscire dalla realtà oggettiva e può immergersi in un dialogo con il subconscio. È questo che crea immagini diverse nella testa.

Molti credevano che in questo modo fosse possibile stabilire un contatto con il campo dell’informazione universale e da lì ricevere informazioni. Negli anni ’70 sono stati condotti esperimenti sulla trasmissione di informazioni telepaticamente.

Uno dei soggetti sedeva in una stanza con luci rosse fioche, con metà di palline da ping-pong davanti, cuffie con rumore bianco nelle orecchie. In un’altra stanza, un secondo soggetto era seduto, cercando di trasmettere un messaggio usando abilità psichiche.

Nel 1983 hanno preso parte all’esperimento 354 coppie di soggetti, il 34% dei partecipanti ha scelto la scheda giusta tra quelle proposte. In uno studio simile del 1985, quel numero è salito al 37%. Dato che la probabilità di indovinare casuale è del 25%, possiamo dire che non è stato possibile dimostrare la presenza di abilità telepatiche in quel momento.

L’effetto ganzfeld esiste, gli scienziati hanno cercato di studiarlo e spiegarlo. Conoscendolo, si può capire l’origine di molte leggende e superstizioni associate a grotte, miniere, ecc. Le persone hanno davvero sentito suoni misteriosi e hanno visto alcune figure, ma tutte queste immagini potrebbero essere create dal nostro cervello, il cui lavoro non è ancora stato completamente studiato.

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.