Curiosità

Come capire se il regolatore di tensione funziona

regolatore-di-tensione

Come capire se il regolatore di tensione funziona

I sintomi di un regolatore di tensione non funzionante sono facili da individuare se si sa cosa cercare.

In questo articolo, per prima cosa esamineremo cinque sintomi solitamente associati a regolatori di tensione difettosi. Poi ti diremo come affrontare questi problemi.

Questo articolo contiene:

5 Sintomi di un cattivo regolatore di tensione a cui dovreste prestare attenzione

  • Sintomo A: Batteria morta
  • Sintomo B: Prestazioni irregolari del motore
  • Sintomo C: Luci tremolanti o oscuranti
  • Sintomo D: Luce della batteria o controllare la luce del motore attivando
  • Sintomo E: Quadro strumenti malfunzionante
  • Come si affrontano i sintomi di un cattivo regolatore di tensione?
  • 6 FAQ sul regolatore di tensione

Andiamo subito al sodo.

5 Sintomi del regolatore di tensione difettoso a cui fare attenzione

Se il tuo veicolo ha un regolatore di tensione difettoso, incontrerai uno o più dei seguenti cinque sintomi:

Sintomo A: batteria morta

Un cattivo regolatore di tensione può danneggiare gravemente la batteria dell’auto, facendola smettere di funzionare.

Ma perché?

Il regolatore di tensione assicura che la tensione di carica costante e la potenza siano fornite alla batteria del veicolo e ad altri componenti elettronici.

Quando hai un regolatore di tensione bruciato, la tua batteria può:

Non ricevere abbastanza carica

Essere sovraccaricata

essere esposta a una tensione di carica eccessiva

Se la batteria non riceve abbastanza energia, l’uscita di carica della batteria si consuma per far funzionare i sistemi elettrici del veicolo. Alla fine, quando tutta la carica si esaurisce, la batteria del veicolo muore e voi non sarete più in grado di avviare il vostro veicolo.

D’altra parte, se la batteria viene sovraccaricata o è esposta a una tensione di carica elevata, la batteria può morire, o gli elettroliti all’interno potrebbero iniziare a bollire, con conseguente perdita e gonfiore della batteria dell’auto.

Oltre a un regolatore di tensione difettoso, la batteria del tuo veicolo può anche morire se:

Hai un alternatore difettoso che

Hai lasciato i componenti elettrici come i fari accesi per troppo tempo a motore spento

La tua auto è stata lasciata inutilizzata per lunghi periodi

In ogni caso, è possibile ricaricare rapidamente la tua batteria difettosa (o la batteria morta) utilizzando cavi di collegamento e un altro veicolo con una batteria carica. Tuttavia, questo è solo un rimedio temporaneo perché la potenza trasferita tramite i cavi si esaurirebbe rapidamente quando il veicolo inizia a funzionare.

Di conseguenza, andare in giro con una batteria difettosa o morta è una cattiva idea perché il veicolo potrebbe smettere di funzionare in qualsiasi momento.

Ecco perché, quando hai una batteria difettosa o una batteria morta, contatta un meccanico il prima possibile. Lasciategli diagnosticare se è il vostro regolatore di tensione che è difettoso o qualche altro componente elettrico. Inoltre, il meccanico ti farà sapere se hai bisogno di una nuova batteria.

Sintomo B: prestazioni irregolari del motore

Le prestazioni irregolari del motore sono un sintomo comune che indica un cattivo regolatore di tensione.

Ma cosa significa prestazioni erratiche del motore?

In questo caso, si può notare che il motore:

Balbetta – il motore sembra arrancare (come se stesse soffocando)

Va in stallo – il motore può smettere bruscamente di funzionare per un breve periodo

Accelera a intermittenza – l’accelerazione del motore non è regolare e sembra irregolare

In altre parole, il vostro motore fornirà prestazioni imprevedibili o incoerenti e un’esperienza di guida complessivamente sgradevole. Le prestazioni irregolari del motore di solito accadono quando avete un regolatore difettoso che non può controllare il livello di tensione in uscita generato dall’alternatore.

Se notate che le prestazioni del vostro motore sono strane o imprevedibili, è probabile che abbiate un regolatore difettoso. In questo caso, è meglio far controllare i sistemi elettrici del tuo veicolo da un meccanico professionista.

Sintomo C: luci tremolanti o fioche

Probabilmente, il sintomo più comune associato a un cattivo regolatore è lo sfarfallio, l’oscuramento o le luci pulsanti.

Per essere più specifici, si può notare che i fari del veicolo:

I fari fluttuano tra il chiaro e lo scuro, senza che lei faccia nulla

Gli abbaglianti non funzionano come previsto

Le luci interne iniziano a sfarfallare

Questi segni di solito indicano un regolatore di tensione difettoso che non è in grado di regolare la tensione di uscita prodotta. E se ti imbatti in questi segni, fai controllare il tuo veicolo da un meccanico professionista al più presto per risolvere il problema del regolatore di tensione prima che le cose peggiorino.

Sintomo D: spia della batteria o spia del motore di controllo che si attiva

A volte, quando il regolatore di tensione non funziona come dovrebbe, la spia del motore del cruscotto o la spia della batteria possono attivarsi.

Ma perché queste spie del cruscotto si accendono?

La spia della batteria si accende perché il tuo sistema elettrico può funzionare male a causa di un cattivo regolatore. In alternativa, la spia della batteria può attivarsi perché hai un diodo dell’alternatore difettoso (o un diodo che perde) o problemi con lo statore dell’alternatore.

D’altra parte, l’illuminazione della luce del motore può essere una conseguenza delle prestazioni imprevedibili del motore. Inoltre, può derivare da problemi relativi al sistema di trasmissione, all’attrezzatura per le emissioni, al sistema di accensione e altro ancora.

Determinare se il vostro regolatore di tensione sta causando l’accensione della spia della batteria o della spia del motore di controllo non è facile. Ci potrebbero essere tonnellate di altre ragioni in gioco. Ecco perché dovreste far controllare il vostro veicolo da un tecnico automobilistico certificato che possa darvi una diagnosi accurata.

Sintomo E: Malfunzionamento del quadro strumenti

Un altro sintomo facilmente osservabile di un regolatore difettoso è il cattivo funzionamento del quadro strumenti del vostro veicolo.

Cos’è il quadro strumenti?

Un quadro strumenti è costituito da diversi indicatori e spie sul cruscotto.

Il suo quadro strumenti comprende il:

  • Tachimetro
  • Tachimetro
  • Indicatore del carburante
  • Indicatori di direzione

Spie luminose come la luce del freno di stazionamento, la luce del motore di controllo, ecc.

Il quadro strumenti del cruscotto richiede una certa quantità di tensione in ingresso per funzionare accuratamente. E quando il regolatore di tensione è danneggiato, il quadro strumenti potrebbe non ricevere la giusta quantità di tensione in ingresso.

Di conseguenza, si possono notare indicatori tremolanti sul quadro strumenti, o peggio, potrebbe smettere di funzionare del tutto.

Inoltre, il vostro quadro strumenti potrebbe agire in modo irregolare quando anche il vostro regolatore di tensione dello strumento è difettoso.

In ogni caso, mentre gli indicatori tremolanti sul quadro strumenti non impediscono necessariamente di guidare il veicolo, non si dovrebbe guidare quando il quadro non funziona. Dato che gli indicatori sul quadro strumenti ti permettono di tenere sotto controllo lo stato del veicolo, guidare con indicatori tremolanti è rischioso.

Ora che conoscete i sintomi più comuni di un cattivo regolatore di tensione, vediamo cosa potete fare per affrontare questi sintomi:

Come si affrontano i sintomi di un cattivo regolatore di tensione?

Anche se si è tentati di testare il regolatore di tensione e provare a sostituirlo da soli, non lo consigliamo.

Perché?

Il regolatore di tensione può influenzare le prestazioni del motore, il quadro strumenti e altro ancora. E se la sostituzione del regolatore di tensione dell’alternatore viene eseguita in modo scorretto, potreste trovarvi di fronte a un potenziale pericolo per la sicurezza. Se notate dei sintomi di un cattivo regolatore di tensione, contattate un meccanico professionista.

Questo ci porta a una domanda: dove si trova questa meccanica?

6 FAQ sul regolatore di tensione

Ecco sei domande che i proprietari di automobili fanno comunemente sul regolatore di tensione:

  1. Che ruolo svolge un regolatore di tensione?

Lo scopo principale del regolatore di tensione (anche detto regolatore di tensione dell’alternatore) è di fornire una tensione costante e affidabile alla batteria del veicolo e ad altri componenti elettrici.

Ma come fa un regolatore di tensione a garantire che la tensione fornita rimanga stabile?

Quando il veicolo è in funzione, l’alternatore converte l’energia meccanica generata dal motore in energia elettrica. E più velocemente l’alternatore del tuo veicolo gira, maggiore è la potenza elettrica generata.

Tuttavia, se l’alimentazione elettrica o la tensione generata diventa eccessiva, può danneggiare la batteria dell’auto e altri componenti del sistema elettrico.

Ora, è qui che entra in gioco il regolatore di tensione dell’alternatore.

Quando la tensione o la potenza generata è eccessiva, il regolatore di tensione segnala all’alternatore di smettere di girare e poi devia l’uscita di tensione in eccesso (o la potenza in eccesso) al filo di terra.

In questo modo, il regolatore di tensione dell’alternatore protegge la connessione della batteria dell’auto e altri componenti elettrici dai danni dovuti all’eccessiva tensione in uscita.

Nota: In una motocicletta, potresti non incontrare un regolatore di tensione dell’alternatore autonomo. Invece, avrete probabilmente un raddrizzatore del regolatore (per esempio, un raddrizzatore del regolatore di tensione Harley).

Il regolatore raddrizzatore servirà a due scopi:

Regola il livello di tensione in uscita.

Converte la tensione di corrente alternata (AC) prodotta dallo statore dell’alternatore in tensione di corrente continua (DC).

  1. Dove si trova il regolatore di tensione?

La posizione del regolatore di tensione può variare a seconda del modello e della marca della vostra auto.

I modelli più vecchi usano un regolatore di tensione esterno, che si può trovare montato all’interno del vano motore, vicino all’alloggiamento dell’alternatore. Al contrario, in alcuni modelli più recenti, il regolatore di tensione è integrato nell’ECM (modulo di controllo elettronico) del veicolo.

  1. Quali sono le cause del guasto del regolatore di tensione?

Ci possono essere molte ragioni diverse per cui il vostro regolatore di tensione comincia a fare le bizze o subisce un guasto.

Ecco alcune cause comuni per il fallimento del regolatore di tensione:

Filo di terra danneggiato

Terminale della batteria corroso o usurato

Collegamento della batteria allentato

Surriscaldamento di qualche componente elettrico

  1. Quanto dura un regolatore di tensione?

L’esatta durata di vita del regolatore di tensione dell’alternatore può essere difficile da prevedere.

Tuttavia, in condizioni ambientali ragionevoli, il vostro regolatore di tensione potrebbe potenzialmente sopravvivere alla vita utile del vostro veicolo. Per essere più precisi, molti meccanici sarebbero d’accordo che il regolatore di tensione del tuo veicolo può durare fino a 100.000 miglia.

Ma se la vostra auto è costantemente esposta a condizioni climatiche estreme, invernali o calde, questa cifra può scendere.

  1. Quanto costa la sostituzione di un regolatore di tensione dell’alternatore?

Il costo della sostituzione del regolatore di tensione dell’alternatore può variare ampiamente a seconda:

La marca e il modello della vostra auto

Chi ha prodotto il regolatore di tensione

La vostra posizione

In media, la sostituzione del regolatore di tensione dell’alternatore può costare tra $330 e $450.

  1. Come si testa un regolatore di tensione?

Quando i sintomi di un cattivo regolatore di tensione diventano evidenti, alcuni proprietari di auto possono provare a testare i loro regolatori di tensione con un voltmetro o un multimetro da soli.

Ma si raccomanda vivamente di lasciare che sia un meccanico professionista a gestire la parte dei test. E questo perché un meccanico avrà l’addestramento e l’esperienza adeguati per diagnosticare con precisione ciò che non va nel vostro veicolo.

Un meccanico:

  1. Assicurarsi che l’avviamento del veicolo o l’interruttore di accensione non sia attivato e che il motore sia spento.
  2. Usare un multimetro o un voltmetro per misurare il livello di tensione tra il terminale positivo e quello negativo della batteria del veicolo.
  3. Controllare se la tensione della batteria misurata sul voltmetro o sul multimetro è un po’ superiore a 12 volt.
  4. Avviare il motore utilizzando l’interruttore di accensione del veicolo (o il pulsante di accensione).
  5. Misurare di nuovo la tensione della batteria con un multimetro o un voltmetro quando il motore è al minimo. La tensione della batteria misurata dovrebbe essere di circa 14 volt.
  6. Aumentare il numero di giri del motore e controllare la lettura della tensione in uscita sul voltmetro o sul multimetro. L’uscita di carica di solito rimane sotto i 14,2 volt.

Se le letture della tensione in uscita sul voltmetro o sul multimetro sono al di fuori delle gamme previste, il vostro veicolo potrebbe avere un problema di regolatore di tensione.

Inoltre, il meccanico può anche eseguire un test di caduta di tensione. Qui, il meccanico collegherebbe la sonda negativa (collegata al filo nero) del multimetro al terminale negativo della batteria e la sonda positiva (collegata al filo rosso) alla staffa alternata.

Se il multimetro mostra una lettura superiore a 0,1 volt, potresti avere un problema all’alternatore o al regolatore di tensione.