Salute

Come capire se la psicoterapia funziona davvero

psicoterapia

Non è sempre facile capire se la psicoterapia funziona e se sta migliorando la tua vita.

È molto comune per le persone mettere in dubbio il fatto che la terapia funzioni. Il fatto è che la terapia non funziona come, per esempio, un farmaco, dove quando si hanno dei sintomi, si prende un farmaco mirato a quei sintomi, e si spera che, dopo un certo periodo di tempo, quei sintomi spariscano. La terapia consiste piuttosto nel prendersi del tempo per cercare e trattare la fonte della ferita.

Può essere difficile capire a cosa mira la terapia, o come lo fa. La terapia è accompagnata da un forte senso dell’ignoto per molte persone, e può essere scomodo riporre la propria fiducia in un processo apparentemente vago e non lineare. Questo è particolarmente vero se siete occupati e volete una risposta o una soluzione velocemente, o durante la pandemia quando aggiungere un’altra vaga incognita alla vostra vita sembra che non possa essere utile.

Per chiunque di voi dubiti del processo o si senta in uno stato di confusione (o semplicemente in attesa con il vostro terapeuta e sperando di avere un’epifania!), voglio aiutare a chiarire le sfumature del miglioramento e del successo in psicoterapia.

Si spera che in questo modo saprete cosa chiedere al vostro terapeuta e cosa cercare nelle vostre esperienze future.

Allora, come si presenta il successo in terapia?

Parte di ciò che rende il successo in terapia così difficile da misurare – o anche da spiegare – è il fatto che il successo significa cose diverse per diversi fornitori, in diversi tipi di terapia, e per diverse condizioni o scopi.

“Questa domanda è complicata perché è definita individualmente”, dice a SELF Kristine Luce, Ph.D., psicologa e professore clinico nel dipartimento di psichiatria e scienze comportamentali alla Stanford University School of Medicine. Come spiega la dottoressa Luce, ci sono più di 200 condizioni di salute mentale diagnosticabili e circa 14 tipi riconosciuti di professionisti della salute mentale che sono addestrati a fornire varie terapie o consulenze negli Stati Uniti. Quindi, ci sono probabilmente migliaia di iterazioni e possibili risposte a questa grande domanda (che è il motivo per cui ho chiesto ad alcuni colleghi professionisti della salute mentale di pesare anche su questo argomento).

Perciò, per scomporre un po’ di più, la risposta “come sapere se la terapia sta funzionando” per qualsiasi persona dipende molto da ciò per cui ha cercato il trattamento (la sua storia personale e di salute, i sintomi, gli obiettivi del trattamento, il background) e da chi sta ricevendo il trattamento (come è stato formato, che tipo di terapia pratica, e cosa potrebbe cercare in un paziente per migliorare). Per esempio, misurare il successo nella terapia cognitivo-comportamentale per l’ansia sociale sarebbe molto diverso dalle metriche per il successo nella terapia di coppia per la discordia coniugale.

Tutto questo è anche complicato dal fatto che, per molti di noi, la nostra “linea di base” di salute mentale non è esattamente la stessa che era realmente pre-pandemia. “Il termine ‘meglio’ in questo momento è relativo”, dice a SELF Jessica Dyer, LCSW, consulente del personale alla Washington University di St. “Penso che le persone stiano lavorando duramente per stabilizzare e gestire la loro tristezza, e aumentare la loro capacità di navigare tra le incognite. Non sapere o essere in grado di controllare il nostro ambiente è molto difficile”. Questo rende più difficile sapere quali dovrebbero essere le nostre aspettative di miglioramento. Il Dr. Luce dice che i pazienti che determinano che non sono al loro “zero” pre-pandemico dovrebbero poi chiedersi: penso che più terapia aiuterà, o questo è, almeno per ora, il mio nuovo zero?

Gli obiettivi e i successi della psicoterapia possono anche cambiare nel tempo, poiché la terapia stessa è un processo molto dinamico

Come le conversazioni in qualsiasi relazione, ciò di cui discutete in terapia all’inizio potrebbe essere più generale fino a quando non vi sentirete più a vostro agio. I vostri obiettivi potrebbero anche iniziare con un livello più superficiale (per esempio, “voglio dormire meglio”). Ma ciò che viene fuori col tempo attraverso il vostro lavoro insieme potrebbe essere una comprensione più profonda e causale di questi sintomi (pensate: non dormo perché ho vissuto un trauma e sto avendo incubi da esso), che a sua volta, potrebbe modificare gli obiettivi della terapia, come sarebbe il miglioramento, e potrebbe anche cambiare il tipo di terapia che qualcuno riceve.

Il vostro terapeuta impara anche molto su di voi dai comportamenti, dagli schemi e dai pensieri che esibite in seduta, che possono aiutare a dettare l’aspetto del “successo”. Osservandovi nel tempo e imparando a conoscervi, il terapeuta sarà in grado di evidenziare meglio ciò di cui è testimone o di interpretare ciò che questi comportamenti o pensieri potrebbero significare.

Per esempio, un terapeuta potrebbe notare che cambiate argomento ogni volta che viene menzionato il vostro partner. Dopo aver visto questo alcune volte, un terapeuta potrebbe dire: “Ho notato che ogni volta che ti chiedo del tuo partner, tu cambi argomento”, il che può aprire la conversazione per una discussione sul significato dietro questo e potrebbe, in futuro, permettere una maggiore consapevolezza o comprensione. Potresti essere stato completamente all’oscuro di questi comportamenti, pensieri o modelli interpersonali, quindi questo tipo di consapevolezza, intuizione o modifica comportamentale che potrebbe essere considerato un “successo” nella terapia sarebbe piuttosto inaspettato e difficile da prevedere in anticipo.

Gli obiettivi possono cambiare anche a causa delle circostanze della vita, poiché la vita stessa è imprevedibile. Se l’ultimo anno e mezzo ci ha insegnato qualcosa, è che i traumi possono accadere inaspettatamente e la vita è piena di incertezza. Questo può rendere il progresso quello che Brit Barkholtz, MSW, LICSW, un terapeuta clinico a Saint Paul, Minnesota, chiama un “bersaglio mobile”. Come dice a SELF, “Forse hai iniziato la terapia con l’obiettivo di ridurre alcuni sintomi depressivi, e ora quelli sono abbastanza ben gestiti, ma la crisi COVID ha portato un dolore complesso e una maggiore ansia nella tua vita, spostando così i tuoi obiettivi di terapia e di conseguenza spostando ciò che il progresso sembra.”

Ci sono alcuni modi comuni per valutare i vostri progressi nella terapia

In definitiva, una terapia di successo significa che i tuoi sintomi sembrano meglio gestiti o stanno diminuendo, e tu senti che stai realizzando il tuo o i tuoi obiettivi attuali o che stai aumentando la tua autoconsapevolezza al di fuori della terapia. Ma spacchettiamo questo ancora un po’.

Se siete entrati in terapia sintomatici di un problema di salute mentale, come i problemi di ansia, potete guardare se i vostri sintomi sono diminuiti (o sono scomparsi del tutto), o se stanno interferendo con le vostre attività quotidiane meno frequentemente. Per esempio, potresti sentirti meno ansioso, potresti avere attacchi di panico meno frequenti, o potresti dormire più ore a notte.

A volte i terapeuti useranno misurazioni oggettive in sessione per aiutare a monitorare i sintomi e dimostrare chiaramente il miglioramento. Un esempio comune di questo è una scala usata per valutare il miglioramento o il peggioramento della depressione chiamata il Patient Health Questionnaire (PHQ-9).

Puoi, comunque, monitorare i tuoi sintomi per conto tuo al di fuori delle sessioni. Potresti farlo classificando la tua ansia ogni giorno su una scala da uno a 10 e tenendo traccia di questo. Oppure, se è il tuo caso, potresti anche tenere traccia del numero di attacchi di panico che hai, quanto durano e quanto sono angoscianti su una scala da uno a 10. (Queste informazioni aiutano anche te e il tuo terapeuta a capire meglio il contesto dei tuoi sintomi e a cercare di stabilire fattori scatenanti o modelli quando peggiori o migliori).

Tenete a mente che questo non sarà perfettamente lineare, e a volte si possono avere brutti giorni o addirittura settimane. I cali o gli altipiani a cui potreste assistere mentre seguite i vostri sintomi non significano che i vostri progressi si siano fermati o che la terapia non stia funzionando. È più importante prestare attenzione alle tendenze maggiori e cercare di non preoccuparsi dei dettagli dei cambiamenti quotidiani.

Un’altra misura del successo è il cambiamento comportamentale. Il dottor Luce nota: “A causa dei disturbi che tratto e delle terapie che uso, generalmente misuro il progresso in base al cambiamento del comportamento – diminuendo le abbuffate e le purghe per la bulimia, aumentando i compiti sociali o di performance per l’ansia sociale”.

Per una persona con depressione, per esempio, i cambiamenti comportamentali che possono essere evidenti includono l’alzarsi e l’alzarsi dal letto più spesso, la capacità di socializzare e non isolarsi, e/o, a seconda della gravità, la capacità di funzionare attraverso compiti quotidiani come farsi la doccia, mangiare e vestirsi in modo più regolare e coerente. Il cambiamento comportamentale non è affatto facile, ma ci si sente come un successo quando viene raggiunto e si notano miglioramenti graduali.

Ma tenete a mente che non tutti i progressi saranno ovvi e tangibili

Altre “metriche” di successo della terapia – come lo sviluppo dell’autoconsapevolezza e dell’insight – sono misure che spesso lasciano i pazienti più perplessi perché sembrano meno tangibili. Diciamo che stai ricevendo una terapia orientata all’intuizione: Il successo significherebbe che il tuo intuito si è approfondito. In altre parole, capisci te stesso, i tuoi sentimenti e i tuoi comportamenti più di quanto non facessi prima dell’inizio della terapia.

Un’altra misura utile da guardare è se stai effettivamente implementando gli strumenti di salute mentale che stai imparando. “Sai anche che la terapia sta funzionando se stai facendo le abilità che hai imparato in sessione fuori dalla sessione e vedi che funziona o aiuta”, dice Dyer. Questo potrebbe sembrare simile al cambiamento di comportamento, ma tende ad essere un po’ meno oggettivo. “La terapia [potrebbe] funzionare se siete in grado di stabilire migliori confini, fidarvi di voi stessi e delle vostre decisioni senza cercare rassicurazioni, convalidare voi stessi e gli altri, o dare priorità ai vostri bisogni e alle vostre richieste in modo più equilibrato”, continua Dyer, aggiungendo che a volte richiederà anche ai pazienti di tenere traccia di cose specifiche al di fuori della sessione che possono aumentare la consapevolezza del loro miglioramento. I confini, nota, sono stati particolarmente importanti per le persone durante la pandemia.

Per esempio, Dyer potrebbe far fare a un paziente una “scheda diario” ogni giorno tra una sessione e l’altra in cui gli fa tenere traccia di più emozioni, comportamenti (autolesionismo, suicidalità, altri comportamenti problematici che hanno un impatto sulla qualità della vita), le loro interazioni con gli altri (per esempio, chiunque abbia perso la calma con loro), e quali abilità hanno usato nel momento (per esempio, respirazione profonda invece di autolesionismo). In questi casi, la consapevolezza stessa di un pensiero, sentimento o comportamento può essere un indicatore di successo.

La dottoressa Luce nota che nella pandemia, un’altra metrica di miglioramento meno tangibile è la flessibilità psicologica. “Lo stato attuale della pandemia è caratterizzato da più domande che risposte, e la minaccia di questa incertezza, imprevedibilità e incontrollabilità produce naturalmente emozioni ansiose ed eccitazione”, dice. Molte persone che vede nella clinica cercheranno di ridurre l’ansia attraverso comportamenti di coping che li fanno sentire in controllo, come lavarsi le mani eccessivamente. Naturalmente, vogliamo che le persone seguano i consigli medici convenzionali, ma quando i comportamenti diventano estremi, gli obiettivi della terapia sono quelli di aumentare la tolleranza per l’incertezza e l’incontrollabilità e aumentare la concentrazione sul momento presente. Questi cambiamenti potrebbero essere meno evidenti di un miglioramento dell’umore, ma migliorano notevolmente il funzionamento quotidiano con fattori di stress cronici come una pandemia.

Inoltre, la terapia può funzionare se sentite che non avete bisogno di essere visti con la stessa regolarità, i vostri problemi non vi sembrano così urgenti, o in generale vi sentite meglio in grado di farcela da soli. Ma è importante rendersi conto che può volerci molto tempo per arrivare a questo punto, e va bene così. “Molte persone sono sorprese da quanto tempo può essere necessario per raggiungere gli obiettivi che hanno per la terapia”, dice a SELF Riley Cropper, Ph.D., uno psicologo clinico della Stanford University. “Quindi potresti non raggiungere subito quell’obiettivo, ma se senti che stai facendo progressi verso di esso, questo è un buon segno”.

E, sorprendentemente, a volte sentirsi peggio è in realtà una misura del successo

Senza sembrare un cliché, spesso vi sentirete peggio prima di sentirvi meglio. Il dottor Luce nota: “Il cambiamento è difficile e può far male. Una buona terapia non sempre fa sentire bene perché spesso richiede ai pazienti di guardare e cambiare modelli di comportamento di lunga data”. La terapia richiede anche ai pazienti di affrontare tutto ciò che hanno evitato (argomenti, emozioni, persone), e questo può causare un “picco di emozioni dolorose”, dice Dyer – e non si vuole che questo scoraggi il paziente dal continuare il trattamento.

L’obiettivo finale della terapia non è semplicemente quello di “essere felici” e non provare mai altre emozioni, come la tristezza o la rabbia. “Progredire in terapia significa vagamente che ti stai permettendo di osservare e sperimentare tutte le tue emozioni”, dice Dyer. “Raggiungere uno stato perpetuo di felicità non è la realtà. La felicità è una delle tante emozioni. Non si può nemmeno sentire la felicità e non sentire il dolore”.

È perfettamente accettabile chiedere al tuo terapeuta come potrebbe essere il progresso per te

Dato quanto sia impegnativo e ampio definire e misurare il successo in terapia, è una buona idea discutere i vostri obiettivi di trattamento specifici con il vostro terapeuta in anticipo, e fare molte domande in futuro. Questo è particolarmente vero ora con il panorama in continuo cambiamento della COVID-19.

In primo luogo, naturalmente discuterete con il vostro terapeuta cosa vi porta lì, e quali potrebbero essere i vostri obiettivi specifici. (Se non siete del tutto sicuri, va bene lo stesso, e il vostro terapeuta vi aiuterà a parlare di queste cose).

Poi, idealmente all’inizio della terapia, l’individuo (o la famiglia, la coppia, l’organizzazione, ecc.) e il fornitore si accordano anche su una definizione di progresso che entrambe le parti possono valutare nel tempo. Suggerisco di arrivare a chiedere direttamente al vostro terapeuta: Come farò a sapere se questo sta funzionando o se sto migliorando?

“Come fornitore, ci sono molte volte in cui uso misure di diversi sintomi per valutare come il paziente sta facendo o se sta migliorando, ma ho anche lo scopo di controllare direttamente con il paziente e avere una conversazione se il trattamento è utile o se ci sono aspetti che stanno funzionando per loro e altri che non lo sono”, dice il dottor Cropper.

E se, con il passare del tempo in terapia, non siete sicuri di cosa stia parlando il vostro terapeuta quando dice cose come: “Questo è stato un grande progresso oggi”, non fa male chiedergli direttamente cosa intende con questo.

“Vuoi essere sulla stessa pagina del tuo fornitore, specialmente quando si tratta degli obiettivi del trattamento e dei progressi che stai facendo”, dice il dottor Cropper. Inoltre, aggiunge, “La terapia può essere difficile e scomoda, quindi non sempre si ha la sensazione di migliorare o di fare progressi, ed è per questo che è importante controllare con il vostro fornitore i vostri obiettivi e progressi durante il corso del trattamento”. Dato che potresti voler cambiare i tuoi obiettivi o le tue circostanze potrebbero cambiare, specialmente nel corso della pandemia, vuoi assicurarti di avere questa conversazione e di averla spesso.

Come terapeuti, facciamo del nostro meglio per offrire chiarezza, contesto, convalida e incoraggiamento. Ma siamo anche esseri umani e non sempre perfetti. Quindi, se il vostro terapeuta dice qualcosa riguardo ai vostri progressi che vi confonde – o non offre il contesto e la chiarezza che vi aiuterebbe a tracciare meglio il vostro percorso terapeutico – chiedete sempre. Vuoi costruire una relazione terapeutica in cui fare domande e chiedere spiegazioni ti faccia sentire sicuro e normale. Potrebbe volerci del tempo, ma ne vale la pena. Forse anche questa è una misura del successo della terapia.